Valtteri Bottas domenica scorsa si è fermato ad Imola per girare sullo storico tracciato che ritornerà nel calendario di Formula 1 proprio quest’anno, in questa stranissima, contorta e densa stagione di Formula 1.

Quando il buon Valtteri Bottas avrà suonato al campanello dell’autodromo di Imola, saranno stati contenti di riassaporare quell’odore di Formula 1 che ormai manca da ben 14 anni. A dir la verità lo erano già, probabilmente, dopo l’annuncio che vede il ritorno dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari nuovamente in un calendario di Formula 1. Ci voleva proprio il Coronavirus per far tornare la massima competizione automobilistica del globo su uno dei più storici ed iconici tracciati esistenti.

Il secondo pilota di casa Mercedes non ha perso tempo e si è presentato con una, stranamente, Mercedes Classe A. Nello specifico una A 45 S AMG 4Matic+ che vi avevamo presentato tempo fa. E’ la hatchback con più cavalli al mondo, ben 421, sviluppati da un 4 cilindri da 2.000cc. Certo non sarà la sua W11 e, molto probabilmente, non avrà il DAS! Sicuramente si è divertito a percorrere le curve dove hanno corso i più grandi piloti della storia… e dove qualcuno, purtroppo, ci ha lasciato.

Mercedes A45 e CLA45 AMG S

Ecco le sue dichiarazioni dopo questa giornata. “Questo circuito è parte della storia della Formula 1, ed è stata una grande emozione ritrovarmi a percorrere quelle stesse traiettorie su cui vedevo sfrecciare i miei miti di quando ero giovanissimo. Avevo già iniziato a studiare la pista con il simulatore, ma dal vivo è tutta un’altra cosa, e per questo voglio ringraziare il Presidente di Formula Imola Uberto Selvatico Estense e tutto lo staff dell’Autodromo della magnifica accoglienza in questo meraviglioso impianto, dove non vedo l’ora di correre.”

Il boscaiolo, come viene simpaticamente chiamato Bottas, in questa stagione ha iniziato bene. Tuttavia sembra avere ancora una marcia in meno rispetto al collega Lewis Hamilton. Chissà che questi giri da “privatista” non gli abbiano regalato la carica necessaria per poter battagliare senza paura e puntare al titolo iridato. In fondo si trova sull’auto giusta!

A proposito dell'autore

Sono cresciuto a pane e Formula 1. Le auto sono la mia passione e scrivere articoli mi permette di condividerla con tutti voi. Twitter @ivan_morepower

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: