Rally Argentina WRC – La Citreon C3 mira al podio

OGIER-INGRASSIA su C3  dopo la rottura del servo sterzo,  facendo appello a tutta la loro determinazione, sono risaliti fino ai piedi del podio, a soli 2’’8 dal terzo.

Questa seconda giornata di gara, la più lunga del programma del week end (146,52 km) prevedeva dei tracciati più scorrevoli rispetto alla giornata precedente, a mano a mano sempre più asciutti, ma non per questo privi di insidie.

Con il 5° tempo nella crono di apertura (PS 9) tra Tanti e Mataderos (13,92 km), Sebastien Ogier e  Julien Ingrassia sono scesi al 3°posto, conservando tuttavia la possibilità di salire sul podio. L’equipaggio del Citroën Total World Rally Team è stato purtroppo vittima di una disavventura poco comune: ingannati da un passaggio lasciato aperto nella PS 11, che il roadbook prevedeva di aggirare da sinistra, la coppia francese ha imboccato la scorciatoia, proseguendo poi sul percorso previsto inizialmente. Purtroppo questo breve momento di indecisione ha causato un piccolo urto e portato immediatamente alla rottura del servosterzo della C3 wrc. Con questo handicap, Sébastien e Julien hanno disputato l’ultima speciale ma sono scesi in sesta posizione, a 21’’8 dal podio.

I meccanici di Citroën Racing hanno poi compiuto una grande impresa riparando l’auto in soli quaranta minuti. E i sei volte campioni del mondo li hanno ricompensati con due scratch consecutivi, e con un 3° tempo nella crono nel pomeriggio. Hanno dimostrato grande reattività risalendo fino al 4°posto, a soli 2’’8 dal podio, segno della volontà di non lasciare nulla di intentato fino al termine della gara

Con i suoi 53,16 chilometri, l’ultima giornata di gara vedrà gli equipaggi salire fino a oltre 2.000 metri di altitudine, per disputare le speciali lente e tecniche di El Condor e Giulio Cesare, caratterizzate da un’affluenza di pubblico record.