Un inizio di week end difficile, queste sono le parole di Maurizio Arrivabene che però potrebbero adattarsi anche ad altri Team e non solo alle vicende di Sebastian Vettel; ma andiamo per ordine, Max Verstappen si qualifica 12° ma dovrà scontare 15 posizioni, 5 per la penalità di Monaco e 10 per aver sostituito la Power Unit, ma dato che non può scontare tutto il penalty visto che è 12° allora dovrà fermarsi per 10 secondi di stop-and-go alla prima sosta; viene anche inflitta una penalità a Vettel reo di aver sorpassato Merhi in regime di bandiere rosse durante le prove libere, il fattaccio è accaduto in rettilineo e Sebastian si è giustificato dicendo che pensava la Manor avesse dei problemi visto che era molto lenta, ed in effetti ci può stare, ma Commissari inflessibili quindi oltre il problema, grave, di una perdita di potenza della nuova Power Unit, piove sul bagnato con retrocessione di 5 posizioni e meno 3 punti sulla patente; sperando che non si debbano sostituire parti importanti del motore visto il calo netto di potenza, comunque per il gioco incredibile di tutte le penalità scatterà dalla casella n. 18. Non ne va bene una neppure a Massa anche lui alle prese con il motorone Mercedes che fa i capricci, dovrebbe però risalire, in virtù dei penalty, in 15° posizione al posto della casella n. 17 occupata dopo la Q3. Button ultimo a partire in quanto privo di un tempo e probabilmente a causa della sostituzione di alcune parti della Power Unit Honda che proprio non ne vuole sapere di diventare affidabile. Si rivede finalmente Kimi Raikkonen che si piazza 3° a poco più di 3 decimi da Rosberg, segno che i gettoni (3) utilizzati dalla Ferrari sono stati scaricati a terra finalmente, e poi le ‘tirate d’orecchie’ di Allison e Arrivabene al Finlandese hanno funzionato, visto il passo c’è da sperare in una bella gara per Kimi e tutti lo stiamo aspettando.

Pole Position di Hamilton che era apparso non proprio preciso nelle prove libere ed anche nella Q2, comunque batte Rosberg di 3 decimi ottenendo la sua 44° Pole; ci sarà comunque da soffrire per portare a casa la Vittoria, visto che a Montreal ne accadono sempre di tutti i colori, e poi quel muro dei Campioni è sempre lì in attesa…

Ottime le prestazioni dei motorizzati Mercedes che qui ha portato un nuovo step veramente efficace, con Bottas, Grosjean, Maldonado e Hulkenberg subito dietro a Kimi Raikkonen; male le Red Bull in 8° (Kvyat) e 9° (Ricciardo) posizione, che però stavolta sopravanzano i cugini della Toro Rosso, con Sainz in 11° casella e Verstappen con i penalty come abbiamo detto prima.

Auguriamo un buon GP a tutti…

Marco Asfalto

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: