Lewis Hamilton si conferma leader in entrambe le sessioni di libere, ma sente il fiato sul collo di Kimi Raikkonen, a soli 7 millesimi dal suo crono. Seguono Bottas a 33 millesimi, Vettel a poco più di un decimo. Quinto Verstappen e Ricciardo solo nono.

Nella prima giornata di azione in pista in quel di Shanghai, il vero protagonista è stato l’equilibrio a livello di prestazioni, sia in simulazione qualifica che quella di gara, tra i tre Top team.

Nella prima sessione, disputatasi nella notte italiana, le due Ferrari hanno completato i rispettivi run con gomme medie (Raikkonen) e soft (Vettel) prima di provare entrambi un tentativo, a fine sessione, con le gomme Ultrasoft. Sessione dedicata prettamente alla ricerca del bilanciameto e del set-up ideale.

Come si è potuto vedere, all’inizio della prima sessione di libere,sulla Ferrari #5 di Sebastian Vettel era stata montata una nuova ala posteriore “a cucchiaio”, più scarica di quella montata negli appuntamenti precedenti, per cercare più velocità sul dritto. Si tratta con tutta probabilità di un esperimento che il Cavallino ha messo in atto per Baku, il prossimo appuntamento del mondiale tra due settimane.

Se nella prima sessione il rischio pioggia era stato scongiurato, la stessa cosa non si può dire per la seconda sessione. Pioggia arrivata negli ultimi 10 minuti, interrompendo di fatto le simulazioni di passo gara di tutti di team. Alcuni piloti hanno comunque deciso di saggiare la pista umida per qualche giro.

Prima dell’avvento della pioggia, nella prima parte delle PL2, i piloti della Scuderia Ferrari si sono dedicati all’affinamento dell’assetto, con gomme medie per Vettel e gomme Soft per Raikkonen. Il tedesco della rossa ha concluso un ottimo tempo con le mescole Medium, arrivando a circa due decimi dal tempo di 1.34.179 concluso da Lewis Hamilton ma con mescola Soft. Kimi, invece, con la mescola Soft non è andato oltre la quarta posizione, a poco più di 4 decima da Hamilton a parità di mescola, ma al terzo tentativo riesce a scavalcare l’inglese della Mercedes per poco più di un decimo (1.34.063) prendendosi la prima posizione provvisoria.

Il primo a effettuare la simulazione di qualifica con le gomme Ultrasoft è Lewis Hamilton.Tempo? 1.33.482. Non un tempo eccezionale quello dell’inglese, a dispetto di quello che aveva mostrato nelle libere mattutine.

Per quanto riguarda la Ferrari, il primo a fare la sua simulazione di qualifica è Sebastian Vettel, che stampa il tempo di 1.33.590, a un decimino dal tempo di Lewis. Il tedesco ha poi ammesso a fine sessione di non aver trovato ancora il bilanciamento ideale.

Kimi Raikkonen invece porta la sua Ferrari in seconda posizione, a soli 7 millesimi da Hamilton: un tempo quasi in fotocopia, con il finlandese che ha fatto i record nel primo settore. Un Kimi che si conferma in palla il venerdì, come accaduto anche in Bahrain e Australia.

La Red bull invece è quinta con Verstappen, a poco più di 3 decimi da Hamilton, mentre invece Ricciardo non va oltre il nono posto, complice un problema sulla sua monoposto.

Simulazione qualifica che ci mostra un grande equilibrio, con Hamilton, Raikkonen, Bottas e Vettel raccolti in 108 millesimi. Ferrari che ha ritrovato smalto, dopo che al mattino non aveva entusiasmanto con le mescole Ultrasoft.

Sotto un cielo grigio che minaccia pioggia, i top team iniziano la loro simulazione di gara: Hamilton, Bottas, Verstappen e Vettel iniziano la simulazione con le gomme Ultrasoft, con tempi tutti molto simili, attestati sul 1.38 medio/ 1.39 basso. Raikkonen invece inizia la sua simulazione con le gomme Soft, realizzando un “giro di attacco” in 1.38.7, abbassato subito al giro successivo in 1.38.4.

Interessate notare come le due Red Bull, nonostante 14 giri con le Ultrasoft, siano riuscite a tenere un passo molto costante. Sarà da tenere d’occhio.

Simulazione interrotta da una leggera pioggia, sufficiente da rendere l’asfalto del circuito di Shanghai viscido e impraticabile per le gomme slick. La sessione dunque termina con qualche minuto di anticipo

Cosa ci hanno detto queste prove libere?

In queste prove libere abbiamo visto un sostanziale equilibrio tra i tre principali top team. Resta,come sempre, la variabile carichi di benzina/mappature motore, visto che come ormai sappiamo ci saranno solo 3 PU a disposizione di ogni pilota per l’intera stagione e il venerdì si è soliti usare mappature motore più soft per salvaguardarlo.

Ferrari, con Vettel deve ancora trovare qualche aggiustamento a livello di set up  per rendere la Sf71H più precisa come vuole il tedesco. Mentre Kimi Raikkonen, in queste prime due sessioni, è sembrato più in palla del compagno di squadra.

Fino ad ora non si sono avute notizie, circa il fondo che Ferrari aveva portato in Bahrain la scorsa settimana.

In questo momento sembra davvero difficile fare previsioni circa il poleman, ma domani sia Mercedes che Ferrari alzeranno l’asticella delle prestazioni e vedremo chi la spunterà. Il rischio pioggia per le qualifiche non è ancora scongiurato…nel caso sia confermata pista bagnata ne vedremo sicuramente delle belle.

Di Giuly Bellani

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: