La McLaren non è riuscita a vincere all’inizio della seconda era della F1 con effetto suolo lo scorso anno, con Norris che ha ottenuto un solo podio nel GP dell’Emilia Romagna.

Le lotte con la sua MCL36 hanno portato la squadra di Woking a fare il suo primo grande passo indietro competitivo dall’inizio del suo piano di recupero guidato da Andreas Seidl.

Dal terzo posto nel campionato costruttori 2020, la McLaren è scesa al quinto dietro ad Alpine mentre attende il completamento del nuovo simulatore e della galleria del vento.

In un’intervista esclusiva con Autosport, che compare nell’attuale numero della rivista, Norris ritiene che la sua squadra debba eguagliare i guadagni della Ferrari, seconda classificata nel 2022 e quattro volte vincitrice del Gran Premio, in un inverno.

“È realizzabile. Penso che quello che hanno fatto sia stato estremamente buono. Migliorare così rispetto a dove erano [nel 2021], dall’essere quasi battuto da noi, ad arrivare dove stanno ottenendo vittorie, lottando per il podio ogni singolo fine settimana… Questo è ciò a cui dobbiamo puntare. Quel livello di salto da una stagione all’altra. Ovviamente hanno avuto, non la fortuna, ma hanno massimizzato una nuova era, nuove regole stabilite per la Formula 1 con nuove auto, che ha permesso loro di fare un salto più grande che mai. Ma ci sono ancora molte opportunità per noi di ottenere qualcosa del genere. Ed è per questo che dobbiamo fissare i nostri obiettivi”.

C’E’ BISOGNO CHE IL TEAM REALIZZI UNA MACCHINA MIGLIORE

Il 23enne ha aggiunto che il suo team debba essere in grado di fare un uso migliore delle sue attuali risorse.

“Penso che già il prossimo anno dobbiamo fare progressi. Abbiamo un’enorme quantità di ciò di cui abbiamo bisogno nelle aree giuste e nelle persone giuste e così via. È solo quell’ultimo ostacolo, l’ultima cosa per portarci allo stesso livello per poi non avere scuse contro Red Bull, Mercedes e Ferrari. Il team sa che deve fare un lavoro migliore”, ha detto.

Mentre Norris è sotto contratto con la McLaren fino alla fine del 2025, ammette che la sua impazienza di vincere è stata esacerbata dall’ex compagno di squadra Carlos Sainz e dal rivale del titolo FIA F2 del 2018 George Russell che ha deciso di passare a Mercedes per vincere.

“Vorrei essere lì con loro. Certo, vorrei essere in quella battaglia. Sento di meritare di esserci per farla diventare una grande battaglia. So che posso gareggiare contro di loro in futuro, e posso fare lo stesso di quello che stanno facendo loro.“

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: