Trulli in Giappone nel 2009 è stato l’ultimo italiano a salire sul podio: gli Usa peggio di noi, a secco dal 1993. In Formula 1 guidano i britannici per arrivi tra i primi 3. Giovinazzi tenterà di riportare il tricolore sul podio

Antonio Giovinazzi l’ha dichiarato più di una volta, ma è consapevole che non sarà facile realizzarlo. “Il mio sogno è portare l’Alfa Romeo sul podio“, le parole dell’italiano. L’ultimo podio della scuderia milanese risale infatti al 1984. Riccardo Patrese, infatti, fu 3° a Monza con la 184T a 1 giro da Niki Lauda (McLaren Tag Porsche) e da Michele Alboreto (Ferrari). Lo stesso Giovinazzi e Raikkonen andarono vicini all’impresa durante il GP del Brasile 2019. I due piloti Alfa chiusero al 5° e al 4° posto, rispettivamente a 1″3 e a 556/1000 da Carlos terzo. L’anno scorso però l’Alfa Romeo non ha mai fatto meglio del 9° posto.

Nella classifica dei podi per nazionalità dei piloti, capeggiata dal Regno Unito con 697, l’Italia è al sesto posto con 207. Davanti ha anche Germania (414), Francia (306), Brasile (293) e Finlandia (234). Alle nostre spalle troviamo invece Usa e Australia (129), Austria (118) e Spagna (101). 

Un digiuno che dura dal 2009

Il problema è che siamo inchiodati a quota 207 dal 2009. Qell’anno Jarno Trulli conquistò tre podi con la Toyota e Giancarlo Fisichella uno con la Force India motorizzata Mercedes. L’ultimo lo fece segnare l’abruzzese al GP Giappone chiuso a 4″9 da Sebastian Vettel con la Red Bull-Renault. Con loro sul podio quel giorno salì Lewis Hamilton, scavalcato dall’italiano grazie all’overcut. Jarno restò in pista tre giri in più del rivale che fu superato al rientro in pista dopo il secondo pit stop.

Da quel giorno si sono corsi la bellezza di 217 GP, nel corso dei quali il miglior risultato per i piloti italiani è stato proprio il 5° posto di Giovinazzi al GP Brasile 2019. Mai prima d’ora avevamo sperimentato una simile astinenza, anche se altre nazioni stanno facendo peggio. L’ultimo podio per gli Usa risale al GP d’Italia 1993 (Michael Andretti). Quello dell’Argentina al GP del Sudafrica 1982 (Carlos Reutemann), per citare altre nazioni che ne hanno totalizzati almeno una cinquantina.

Telegram

Instagram https://www.instagram.com/newsf1.it/
Pagina https://www.facebook.com/notizief1
Twitter : https://twitter.com/Graftechweb
Leggi il libro di Aimar Alberto https://amzn.to/3rzWb

A proposito dell'autore

Cresciuto nel mito di Schumacher e della "rossa", appassionato di F1 e di motori, Copywriter e Marketer. Follow me: Linkedin: @Michele Cozzola

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: