Vittoria per Lewis Hamilton e ritiro per Valtteri Bottas: questi sono i risultati ottenuti dalla Mercedes nell’ultimo gp disputato a Baku. E proprio da questa vittoria Mercedes intende ripartire, visto che uscendo vittoriosa da Baku ha permesso a Hamilton di diventare leader del campionato.

La scuderia anglo-tedesca è in cerca di nuove conferme al Montmelò. Due mesi fa, nel test invernali, aveva mostrato i muscoli, spaventando le rivali su un possibile nuovo anno targato Mercedes. Invece la realtà, dopo 4 gp, è ben altra nonostante Lewis Hamilton sia leader della classifica piloti, tallonato a sole 4 lunghezze da Sebastian Vettel.

Il team di Stoccarda sembra soffrire particolarmente le gomme Pirelli 2018, gomme che per questo weekend avranno un battistrada inferiore di 0,4 mm per limitarne il surriscaldamento, problema che sia la stessa Mercedes e Red Bull avevano lamentato già dai test invernali. Con queste modifiche Mercedes riuscirà a portare e mantenere le gomme nella giusta finestra di esercizio? Da domani potremmo già vedere qualcosa.

Un Lewis Hamilton alquanto determinato quello visto davanti ai microfoni dei giornalisti nella consueta conferenza stampa del giovedì. Il pilota inglese, dopo aver ottenuto, fortunosamente, la prima vittoria stagionale a Baku, arriva in Spagna forte della leadership in classifica piloti.

Hamilton ritiene che il fattore chiave per questo weekend sarà trovare sin dal venerdì  un buon feeling, cosa che nei precedenti gp, sopratutto a Baku, non è stato trovato appieno:“Il tempo dirà se riuscirò ad avere il feeling perfetto con la vettura, io lo spero“, ha esordito il 33 enne di Stevenage, aggiungendo: “Abbiamo lavorato parecchio, così come facciamo dopo ogni gara. A livello di conoscenza siamo in una situazione migliore rispetto a quella che avevamo nelle ultime quattro gare“.

Cosi come nel 2017, il 4 volte campione del mondo inglese sta faticando a trovare il giusto ritmo e il giusto feeling con la monoposto (la WO8 fu definita “diva capricciosa”) ma confida di poter trovare nel miglior tempo possibile “l’armonia” con la WO9:“Spero che alcune cose provate nei test qui a Barcellona possano darci una posizione migliore in questo fine settimana. Spero di poter lavorare meglio con questa macchina e aspetto di ritrovare quelle sensazioni di totale armonia“.

Sugli avversari, in particolar modo su Ferrari, l’inglese ha spiegato: “Difficile dire quale auto sia migliore tra Ferrari e Mercedes. Penso loro siano lievemente superiori solo in qualifica, ma io so di poter vincere anche senza l’auto migliore“.

Parlando, invece, del capitolo norme per il 2019, il nativo di Stevenage non ritiene ci possano essere grandi cambiamenti ma suggerisce un idea suggestiva per quanto concerne le piste:“Non credo che il nuovo regolamento 2019 cambi molto. Avevamo già auto con ali più larghe in passato e lo spettacolo era simile. I circuiti dovrebbero essere disegnati dai piloti, così come i golfisti disegnano i campi da golf“.

Infine Hamilton ha voluto spendere qualche parola sulla vittoriosa esperienza di Fernando Alonso nel WEC nella 6 Ore di Spa, sottolineando come lui preferirebbe, se dovesse scegliere un altra categoria, un esperienza in MotoGp :“Io non gareggerei in quella serie, anche se le vetture sembrano davvero belle. Potendo scegliere andrei in MotoGP, una categoria davvero tosta. Prendete cos’è accaduto nell’ultima gara, è l’unica serie che seguo con passione e mi piace davvero molto. Ovunque io sia in giro per il mondo, trovo sempre modo per guardarla. Sono affascinato da quel tipo di piloti, che rischiano così tanto e guidano le moto in quelle piste. Davvero una figata. Sono contento per Fernando, ma non ne so abbastanza di quella serie per dare un giudizio“.

 

Di Giuly Bellani

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: