La Mercedes ha lavorato duramente su una nuova vettura totalmente diversa per il 2024, visti i scarsi risultati ottenuti con l’attuale W14.

Nonostante un cambiamento di questo tipo rischia la perdita di tutte le conoscenze acquisite in questi anni, il team afferma che il concetto attuale non può avere futuro. Questo è dimostrato dalla totale assenza di velocità ad Interlagos per Hamilton. L’inglese è infatti scivolato molto in classifica pur partendo dalla terza posizione dopo la ripartenza.

Quando gli è stato chiesto se la prestazione in Brasile avesse intaccato la fiducia nella comprensione delle attuali normative, il team principal Wolff ha dichiarato: “No, credo che abbia più che confermato che i passi che abbiamo compiuto sono necessari. Almeno sappiamo che conferma che la traiettoria del cambiamento fondamentale è corretta”.

“L’anno scorso siamo usciti da un weekend a Interlagos, dove abbiamo letteralmente demolito la concorrenza il sabato e la domenica. È stato come: stiamo facendo la cosa giusta continuando con il telaio che abbiamo? Ora è piuttosto chiaro. Questa situazione è terribile per l’intero team. E vorrei che potessimo iniziare la nuova stagione e concentrarci sulla nuova vettura”.

La dimensione della confusione della Mercedes su cosa stesse accadendo in Brasile è stata evidenziata dal fatto che il team aveva preso in considerazione l’idea di ritirare le proprie vetture dal parco chiuso, in modo da poter apportare modifiche al set-up che funzionassero meglio. Tuttavia, Wolff ha dichiarato che tale piano è stato scartato perché il team non sapeva cosa avrebbe dovuto cambiare per migliorare le prestazioni della W14.

“Non sapevamo fondamentalmente dove avremmo dovuto apportare modifiche, perché c’è un problema molto più ampio. Abbiamo pensato a questa opzione [partire dalla corsia dei box], ma pensando a massimizzare i punti, era probabilmente giusto partire come eravamo”.

Il piano per il 2024

La Mercedes ritiene però di aver identificato i problemi della vettura di quest’anno, confessando di essere stata troppo conservatrice e di aver impostato l’altezza aerodinamica troppo alta. La vettura dell’anno prossimo sarà molto probabilmente impostata con un’aerodinamica più bassa, per correre più vicina al suolo. Il team è inoltre molto fiducioso nell’evitare i problemi di porpoising che hanno afflitto la W13.

Tuttavia, Wolff ha dichiarato che non darà nulla per scontato riguardo a ciò che Mercedes consegnerà l’anno prossimo. “Per 13 anni non ho mai avuto un atteggiamento ottimistico o fiducioso” ha detto.

“È forse più un mio problema e una questione di mentalità: il bicchiere è sempre mezzo vuoto. Ma sappiamo che stiamo cambiando completamente la vettura e siamo un’eccezione rispetto agli ultimi otto anni, in cui siamo stati in testa, solidi, con la struttura e le persone per essere in prima fila”.

Wolff ha infine aggiunto: “Questa vettura in generale, lo sviluppo di questa vettura, è quasi come mettere cerotti su qualcosa che non va bene”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto