Una vettura iconica nella produzione di Maserati ma non solo, con lo scopo di essere protagonista nelle competizioni

Che la Maserati produca vetture gt ovvero auto dalle prestazioni elevate ma comunque in grado di offrire un buon livello di confort è cosa risaputa, ma che succede se questo glorioso marchio che in passato ha ottenuto tante vittorie nelle competizioni vuole ritornare alle corse? Semplicemente crea qualcosa di meraviglioso! Si chiamava MC 12 ed era l’arma con cui la casa Bolognese  oggi con sede a Modena volle ritornare alle gare! Il nome sta per Maserati corse ed il 12 per il numero dei cilindri di cui disponeva il motore, già il motore derivava direttamente dalla Ferrari Enzo solo con qualche differenza, 2 su tutte la prima è che aveva 630 cv invece di 660 e la seconda è che aveva il limitatore a 7.500 gir/min contro gli 8000 della Enzo.

Sempre parlando di tecnica su questa vettura debuttò in Maserati un nuovo tipo di cambio sequenziale denominato cambiocorsa che era nettamente molto più efficace rispetto ai precedenti, per quanto riguarda le sospensioni adottava il sistema push road ovvero il meglio del meglio per la guida e per l’handling! Il telaio era stato interamente progettato da un altra eccellenza italiana ossia la Dallara dove le corse sono il loro pane quotidiano!

La Maserati MC 12  era realizzata per la maggior parte in fibra di carbonio, per essere leggera e resistente allo stesso tempo, allo sviluppo e messa a punto di quest’auto collaborò  come per la Enzo sua maestà Michael Schumacher!

Di questa vettura così speciale furono realizzati soltanto 50 esemplari andati letteralmente a ruba, perchè era il numero minimo previsto per partecipare al campionato Fia GT dove la vettura vinse tutto quello che c’era da vincere!  . Oggi quest’auto sul mercato ha raggiunto prezzi milionari data l’esclusività di questo modello, ed è un’auto molto ricercata dai collezionisti di tutto il mondo, ma già solo a guardarla li vale tutti!

Tornando ai numeri la vettura pesava circa 1300 kg e con 630 cv e 652 nm di coppia max la vettura raggiungeva i 330 km/h e accelerava da 0 a 100 km/ in soli 3,8 secondi e impiegava 9,9 secondi per raggiungere i 200 km/h.  Insomma la MC 12 ridava grande dignità ed onore nelle competizioni alla Maserati cosa a cui fin dagli inizi la casa del tridente era impegnata in maniera attiva, ma al tempo stesso rimane un’auto dalle linee immortali che difficilmente gli appassionati dimenticheranno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: