A FAVORE DELLA FERRARI

Essendo appassionato di statistica ho voluto fare una prova per cercare riscontri di qualche tipo su Ferrari. Volevo capire quali sono stati i movimenti della classifica per le cinque principali squadre del gruppo, negli ultimi 20 anni.

Ciò che avrei trovato lo avrei pubblicato indipendentemente dai risultati. Questo per capire se c’è una sorta di andamento oppure se, effettivamente, i campionati si vincono per qualche intuizione repentina e con cambi di passo improvvisi.

Commentiamo i risultati.

LE SQUADRE VINCENTI

Osserviamo per un momento il trend che precede una certa serie di vittorie. Anticipo che stiamo considerando solo il campionato costruttori.

Nei grafici presentati ci sono 4 squadre che hanno vinto almeno un campionato:

  • Renault
  • Ferrari
  • Mercedes
  • Redbull

Notiamo quanto segue:

Tre di queste mostrano un segnale molto particolare:

Quando si vince una serie di titoli di fila, li si vince dopo una breve serie di anni di crescita vertiginosa.

Guardando alle curve Mercedes, per esempio, si nota quanto abbia impiegato solo 2 anni per risalire rapidamente tutta la classifica, dal suo punto più basso.

Stesso comportamento per la RedBull. In soli due anni ha raggiunto la vetta, partendo dal minimo.

Questo potrebbe spiegarsi cosi: si capitalizza effettivamente su una qualche idea “dirompente”.

La Renault, squadra molto valida, ma più concentrata sul controllo costi rispetto alle due appena citate, non si discosta di tanto da questo andamento e anche lei. In 4 anni, risale per vincere due titoli di seguito.

clicca qui

Effettivamente, sembrerebbe proprio cosi:

  • Scarichi soffiati Redbull.
  • Mass Damper Renault.
  • Capacità di sfruttare la tecnologia ibrida, frutto di un buon lavoro sulle auto di serie, Mercedes.

A quanto sembra, i campionati non si vincono sul lungo termine, ma capitalizzando all’inizio su intuizioni istantanee.

Lo dimostrerebbe il ragionamento che segue.

LA BRAWN GP

Questo è un capitolo breve ed è la summa di tutto quello detto fino ad ora: la Brawn GP ha vinto per il suo diffusore e non perché lo stesse studiando da secoli. Una intuizione durata un secondo, una falla nel regolamento. Questa squadra è la prova perfetta di quanto stiamo dicendo.

Ovviamente, se non vi bastasse la prova perfetta, vi fornisco di seguito la prova del nove.

LA MCLAREN

La Mclaren sta seguendo un buon passo e una buona crescita. Notiamo come sia anche lei in rapida salita dal suo valore minimo. Non ha ancora vinto e questo perché manca l’idea geniale. Fino ad oggi, infatti, non ci sono stati estri creativi e la squadra non è divenuta famosa per soluzioni inedite. Non riesce a staccarsi dalla concorrenza e non riesce a tornare a vincere perché non trova il “game changer”. Quella pensata che permette di cambiare terreno di gioco.

A ben pensare è proprio cosi: la FIA e la formula 1, sembra un paradosso, non sono mai state favorevoli agli estri creativi. Ogni volta che nasce qualche idea nuova, dopo qualche anno viene vietata. Se ne potrebbero citare molte. Una delle ultime è il DAS, ma Anche Mass Damper e scarichi soffiati vennero proibiti/limitati. E il caso Flussometro Ferrari è un’altra di queste; vedremo dopo perché.

Cambiare terreno di gioco, infatti, significa creare una nuova variabile che, essendo nuova, non è ancora sotto controllo dell’ente regolatore.

IL CASO FERRARI

La Ferrari non è di diversa lettura. Affina la vettura e migliora le soluzioni già in campo. A sua favore c’è da dire che non si trovano squadre cosi capaci di ottimizzare gli strumenti in uso. Dal 1995 al 2008 non è mai scesa sotto la 3° piazza. 13 anni vogliono dire tanto! Pochi come lei.

Sono ottimizzatori nati e sono bravissimi in questo! A dirla tutta, questa squadra è addirittura un’eccezione e nessuno è riuscito a tenere la loro costanza negli ultimo 20 anni. Facciamo eccezione dell’ultimo e spiegheremo perchè.

Purtroppo, e si vede o si può constatare osservando i campionati degli ultimi 15 anni, non sono stati inventori. Non hanno trovato il game changer; quell’idea che stravolge le carte sul tavolo.

Notare bene: lo dico al passato. Questo perché nel 2019, invece, la molla è scattata di nuovo e il motore della rossa ha cominciato a correre come un furibondo.

clicca qui

Sono riusciti nell’impresa di aggirare il regolamento. Qualcosa al flussometro ha cominciato a funzionare meglio, o meglio, diversamente da quanto immaginato fino a quel momento da tutti.

CONCLUSIONI

In formula 1 si vince “rapidamente” e il vincitore viene determinato non dal duro lavoro di ottimizzazione continua, ma dal guizzo e dall’ingegno. La soluzione migliore non solo deve essere migliorata, bensì non esiste ancora.

Per chiudere, voglio spiegare perchè questo è un articolo pro-Ferrari.

È andata come è andata: COVID o non COVID, la macchina di Maranello quest’anno è zoppa.

Il motore nuovo non è arrivato, il cavallino non è stato così forte da difendersi durante l’inverno o il patto segreto è stato veramente affare di gente senza scrupoli che non aveva a cuore il futuro del team.

Ora la macchina non può evolvere e mille altri aspetti che sappiamo già tutti.

I tecnici, forse, hanno preso una strada sbagliata a non lavorare durante il lock-down e chissà quale altra questione si può aprire sul banco degli imputati.

Quello che però si vede a parte la politica, il marketing, le gelosie e i tornaconti personali è una squadra che fa eccezione e che non smette di farla, in realtà, dal 1995 almeno.

Nessuno è mai stato ai vertici come loro.

Quest’ultimo scivolone è colossale e proprio perché si parla di Ferrari, lo diventa ancora di più, ma, secondo me, i numeri sono chiari.

I tecnici ci sono eccome e le soluzioni innovative ancora nascono in quel di Maranello. Bloccate o meno, politicizzate o meno, nascono.

Viste le basi solide, forse ora serve un management che ci creda davvero in queste persone.

A presto dall’ing. Alberto Aimar.

clicca qui

A proposito dell'autore

Laureato in ingegneria magistrale aerospaziale, opero nel campo dell'ingegneria per l'automobilismo da tempo, sono giornalista sportivo da 3 anni, e sono appassionato di tecnica e aerodinamica! contattami per qualsiasi richiesta o parere per condividere assieme il nostro interesse verso le competizioni motoristiche!

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: