Al termine del venerdì di Austin, Carlos Sainz è apparso soddisfatto nonostante il traffico incontrato nel suo giro veloce.

Dopo l’ottima rimonta dell’Istanbul Park, Carlos Sainz avrà finalmente l’opportunità di utilizzare la Power Unit Ferrari aggiornata sia in qualifica che in gara nel GP degli Stati Uniti. Il madrileno ha concluso le FP2 al nono posto, danneggiato dal traffico, ma ha mostrato un passo gara discreto con la sua SF21 sul finire della sessione. La Rossa è sembrata tuttavia leggermente più in difficoltà all’inizio del weekend di Austin rispetto alla rivale per il terzo posto nel Campionato Costruttori, la McLaren, che ha terminato il venerdì al secondo e quinto posto. Per recuperare il team inglese c’è dunque ancora parecchio lavoro da fare e Sainz, comunque soddisfatto al termine della giornata, ne è consapevole.

“Sorrido perché mi sono divertito molto oggi.” – ha esordito lo spagnolo, raggiunto da F1.com“Questa pista è bellissima da guidare e mi godo ogni giro che faccio qui, c’è una bella atmosfera. Per quanto riguarda la macchina, in FP1 abbiamo cominciato non al meglio a causa degli avvallamenti, poi abbiamo sistemato l’assetto in vista delle FP2 e la situazione è molto migliorata. Quindi nel pomeriggio ero più contento, anche se le classifiche non lo mostrano perché nel mio giro veloce ho incontrato del traffico nel terzo settore e ho commesso un errore. Tutto sommato sono più felice di stamani e sono carico per domani. Con queste macchine così sensibili al vento e alla scia è necessario stare molto distanti da chi ti sta davanti, e nonostante questo sia un circuito abbastanza lungo abbiamo sempre bisogno di pista libera. Non appena si incontra del traffico nell’ultimo settore, come ho fatto io, considerando anche il surriscaldamento delle gomme a fine giro, viene fuori un casino”.

Sainz ha concluso con una riflessione sul ruolo degli pneumatici, destinati a soffrire molto nel caldo texano e sull’asfalto ricco di dossi: “Sarà molto pesante per le gomme, lo è già stato oggi. Molta parte del lavoro di assetto che faremo stasera sarà dedicato all’ottimizzazione dei long run, perché qui si può sorpassare in gara. Non serve avere una vettura buona sul giro secco a discapito del passo. Qui si mette molta più enfasi sull’avere una vettura performante la domenica”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: