Ross Brawn, ex direttore tecnico del team di Maranello e adesso nel management della F1, ha espresso i propri giudizi sul weekend del GP della Stiria.

Concluso il secondo weekend austriaco della stagione, la F1 si prepara a disputare la terza gara in altrettante settimane nella vicina Ungheria. I risultati del GP della Stiria hanno portato alla luce numerosi argomenti di dibattito: dal fenomenale weekend di Hamilton e della Mercedes al disastro della Ferrari, passando per una Racing Point velocissima e contestata dalla Renault. Di tutti gli argomenti più scottanti dello scorso weekend ha parlato Ross Brawn nella sua personale rubrica su F1.com.

Ferrari

Brawn non poteva che partire dalla debacle della Ferrari, team al quale l’inglese è fortemente legato essendone stato direttore tecnico durante l’epopea Schumacher: “E’ stato un weekend da dimenticare per la Ferrari. I suoi piloti hanno violato la regola più importante delle corse e hanno negato al team la possibilità di analizzare gli ultimi aggiornamenti. Leclerc è stato bravo ad ammettere la propria colpa, ma questo non è abbastanza: adesso gli ingegneri di Maranello avranno ancora più lavoro da fare, non avendo i riscontri della vettura in gara. Uno dei problemi principali della Ferrari, e lo era già ai miei tempi, è la costante pressione mediatica che la Scuderia subisce, soprattutto in Italia. Il management deve essere bravo a mantenere la concentrazione e la fiducia di tutto il personale sul grande lavoro da svolgere. Devono risolvere il prima possibile i problemi fondamentali della macchina. Le cose non si sistemeranno in fretta, la strada è ancora lunga”.

Mercedes

Il manager inglese ha proseguito parlando della Mercedes, team del quale è stato team principal dal 2010 al 2013: “La Mercedes è stata impressionante questo weekend. Il fatto che siano sembrati in gestione, dopo i problemi avuti al cambio nel GP d’Austria, rappresenta un grosso campanello d’allarme per tutti gli altri. Il loro pieno potenziale potrebbe essere ancora inespresso. Detto ciò, Lewis è stato eccezionale questo weekend: si vedeva chiaramente la sua delusione dopo la prima gara, perciò non ha fatto altro che continuare a lavorare sodo dimenticando il GP d’Austria. Il suo giro di qualifica è stato incredibile, una delle sue migliori performance di sempre, viste le condizioni meteo e il distacco rifilato agli avversari. Ciò gli ha permesso di partire in pole e di controllare la gara senza problemi”.

Red Bull

Ross Brawn conclude la panoramica sui team elogiando la prestazione di Max Verstappen, che si è fatto valere contro le Mercedes nonostante una Red Bull ancora distante in termini di prestazione: “E’ chiaro che la Red Bull abbia fatto progressi durante la pausa, ma la macchina non è ancora abbastanza veloce da poter competere regolarmente con Mercedes. Questo però non ha fermato Max, che ha mostrato un’altra performance eccezionale estraendo il massimo dal mezzo che aveva. Nessuno avrebbe potuto fare meglio di lui in quella circostanza. La sua strenua ma inutile difesa nei confronti di Bottas ha tolto il fiato a tutti gli appassionati. Ci ha ricordato una volta di più il grande livello dei piloti, che non hanno paura di lottare ad altissima velocità con così poco spazio a disposizione”.

Brawn elogia la F1

Il manager inglese analizza infine quella che è la situazione dell’intera Formula 1, che è ripartita in maniera decisamente positiva: “Sono felice che la stagione sia cominciata con due ottimi Gran Premi. Voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno permesso di ripartire, agendo in maniera responsabile. E’ incredibile che per due weekend consecutivi ci siano stati zero test positivi. Quando ci saranno test positivi, dovremo comportarci nel modo giusto per minimizzare gli effetti sul circus. E’ stato davvero un ottimo inizio, tutti sono entusiasti che la stagione sia finalmente cominciata e sono convinto che avremo un campionato eccezionale“.

 

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: