La Silly season della Formula 1 è entrata nella fase più acuta, se ad inizio dell’anno, l’unico vero dilemma sembrava essere la questione intero al futuro di Sebastian Vettel.

A cinque gare dal termine del campionato di Formula 1 sono tanti i dubbi e le incertezze rispetto ai volanti ancora liberi.

La scorsa settimana, all’alba del Gran Premio del Portogallo, abbiamo appreso la notizia che per il prossimo anno Grosjean e Magnussen non correranno più per la Hass, e sicuramente lasceranno il mondo della F1.

La notizia era nell’aria da diverso tempo ma le scarse prestazioni dei due unitamente ai giovanissimi talenti che stanno emergendo in F2, hanno sicuramente accelerato i tempi.

A spingere il team americano verso nuovi orizzonti è stata sicuramente la necessità di nuovi sponsor, e dunque la necessità di incrementi economici.

Proprio in merito a questi contributi economici si fa sempre più insistente la voce che vorrebbe Nikita Mazepin prima scelta in casa Haas, il giovante pilota russo ha sicuramente disputato una buona stagione in F2 ma il suo arrivo sarebbe consentito dall’appoggio, economico, del padre, il quale ,per intenderci, contese a Lawrence Stroll l’acquisizione della Force India.

E se almeno un sedile sembrerebbe  garantito al giovane Nikita, per l’altro sono diverse le opzioni aperte, tra i più accreditati Mick Schumacher,

favoritismo per il titolo in F2,  che di fatto gli consentirebbe di arrivare in F1 per diritto, il figlio di Michael è il candidato numero 1 ad occupare il sedile Haas, nonostante il F2 siano diversi i giovani a generare interesse, primo fra tutti Shwartzman il cui approdo nella massima categoria potrebbe, a questo punto, slittare nel 2022.

Discorso diverso se la scuderia americana dovesse decidere per una line-up più cauta affiancando ad uno dei due classe 1999 un pilota più esperto, come Nico Hülkenberg o Sergio Perez, entrambi liberi, potrebbero essere la soluzione ideale.

Ma la questione è più complicata del previsto, voci dell’ultima ora  vorrebbero infatti il messicano pronto a firmare un contratto con la Red Bull che starebbe pensando di sostituire Alexander Albon, reo di non aver disputato una stagione all’altezza del compagno di box Max Verstappen.

Ma a Milton Keynes resta aperta anche l’opzione Hülkenberg, il quale dopo aver lasciato la F1 lo scorso anno nel corso di questa stagione ha sostituito prima Perez e poi Stroll, entrambi positivi al Covid-19, dimostrando che l’addio non era per nulla meritato.

Ma se alcuni nodi potrebbero venire al pettine già nel corso di questo  fine settimana ad Imola, per quanto riguarda il versante Red Bull la scuderia ha già fatto sapere tramite il suo consulente Helmut Marko, che nel frattempo ha confermato Pierre Gasly per il 2021, che altre decisioni potrebbero avvenire durante il secondo weekend in Bahrain, ancora una chance per Albon durante queste ultime gare ? Staremo a vedere.

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: