Come se non bastasse il contenzioso già in atto con il title sponsor Mission Winnow, la Ferrari è finita al centro di una nuova diatriba con Philipp Plein, famoso stilista tedesco, che ha messo in atto un vero e proprio attacco ai danni del Cavallino Rampante a suon di post velenosi sui social. 

Tutto è iniziato quando il popolare designer tedesco, seguito da quasi 2 milioni di followers, ha postato su Instagram alcune foto per pubblicizzare le scarpe del suo marchio, ritraendole posizionate sul cofano della sua Ferrari verde mentre alcune ragazze in bikini erano intente nel lavare la vettura.

Lo stile e l’utilizzo di tale immagine ha profondamente urtato la Ferrari, che tramite i propri legali ha prontamente inviato una lettera di diffida allo stesso Plein, intimandogli di cancellare tutte le foto e i video incrinanti entro 48 ore.Nelle immagini – si legge infatti nella missiva – I loghi Ferrari sono usati a scopo promozionale per il suo brand e per i suoi prodotti, in modo da appropriarsi della loro popolarità”.

 

La Ferrari ha poi attaccato duramente le posizioni piuttosto esplicite in cui sono state ritratte le ragazze: “I simboli della Ferrari nelle immagini sono associate a uno stile di vita assolutamente non conforme a come il marchio è percepito dal pubblico, con performer (le ragazze, ndr) che si esibiscono in gesti sessualmente espliciti, usando l’auto come un accessorio in un modo che è di per sé di cattivo gusto. Questo atteggiamento danneggia il buon nome della Ferrari, e provoca anche danni materiali”. 

 

Ferrari Philipp Plein

Philipp Plein appena ricevuta la lettera è andato su tutte le furie: “Nessuno può attaccarmi personalmente e minacciarmi senza che io mi difenda!”, ha sbottato il tedesco. Lo stilista ha quindi deciso di pubblicare sui social suddetta lettera, attaccando pesantemente la Ferrari  e l’amministratore delegato Camilleri. Tramite suoi post, il designer ha voluto schernire il Cavallino scrivendo: “Ragazzi, volete davvero intimidirmi? Ho 48 ore per rimuovere un post che ritrae la mia Ferrari dal mio profilo personale Instagram?”.

Lo stesso stilista è poi passato ad attaccare direttamente Louis Camilleri per via della compagna: “Interessante che il CEO Camilleri mi dica che ‘il mio marchio non è allineato con l’immagine Ferrari’ quando lui stesso frequenta una pornostar, Savanna Samson, e ha pagato tanti soldi pur di nasconderlo su internet”.

View this post on Instagram

SCANDAL 🔈 FERRARI CANT PUSH US BECAUSE WE WILL PUSH BACK 🔈 YOU GUYS SHOULD CLEAN UP YOUR OWN MESS BEFORE YOU COME TO ME ! FIRST RULE: never be arrogant and treat your costumers like they are less worth than you ! Everything comes back in life and I am still waiting for my official apology ( I have been personally attacked by THE COMPANY FERRARI because I posted my PERSONAL FERRARI ON MY PERSONAL INSTAGRAM ACCOUNT WITH MY PERSONAL SHOES ON IT !!!!!!! By the way I paid for the car personally too ! NOBODY CAN ATTACK ME PERSONAL AND BLACKMAIL ME WITHOUT ME FIGHTING BACK ! My lawyers will go hard and I will make every step public until FERRARI stops bullying their clients ! RULE NO.2 : NOBODY NEEDS FERRARI BUT FERRARI NEEDS HIS CLIENTS ! NO BRAND CAN BUY ITS CLIENTS……BUT THE CLIENTS CAN CHOOSE WHICH PRODUCT AND BRAND TO BUY !! THE CLIENTS ARE ALWAYS MORE POWERFUL THAN THE BRAND BECAUSE THEY DECIDE ABOUT THE FUTURE SUCCESS AND REVENUE OF THE BRAND !

A post shared by Philipp Plein (@philippplein) on

Occhiolino BMW

La Ferrari non ha voluto per il momento replicare a questi attacchi diretti da parte di Philipp Plein, il quale nelle ultime ore ha ulteriormente rincarato la dose pubblicando numerose foto di scarpe appoggiate su macchine dei rivali diretti, come Mercedes, Porsche, Lamborghini e BMW. Proprio la casa bavarese si è intromessa nella vicenda tramite un post in cui invita lo stesso Plein a provare una M8 personalizzata per le sue foto: “Disponiamo di un range di bellissimi verdi, e ovviamente puoi mettere le tue scarpe sulla macchina ogni volta che vuoi!”.  

Ferrari Philipp Plein

La polemica che si è scatenata sembra veramente destinata a interessanti sviluppi, con il designer che si dice offeso e pretende le scuse della Ferrari. Al momento il mondo dei social è diviso tra chi sostiene la celebrità del marchio Ferrari e chi appoggia Plein. Ciò che è certo è che questa storia si concluderà di fronte a una corte giudiziaria, con la Ferrari decisa a voler preservare il prestigio unico del Cavallino!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: