Il Team Principal della Mercedes ha commentato il GP del Portogallo e anticipato i temi del GP di Spagna, quarto appuntamento del mondiale di F1.

A pochissimi giorni dalla conclusione del GP del Portogallo, la F1 si appresta a tornare subito in pista nel primo weekend back-to-back della stagione. Il circus rimarrà nella Penisola Iberica per disputare il GP di Spagna sul circuito di Montmeló, dove andrà in scena il quarto atto della battaglia per il titolo piloti tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Dopo la vittoria di Portimao l’inglese ha allungato in classifica, portando il suo vantaggio sul pilota della Red Bull ad otto punti, ma l’olandese ha già dimostrato di saper rispondere colpo su colpo grazie ad una RB16B molto veloce. Dal canto suo, la Mercedes sembra aver risolto gran parte dei problemi che l’hanno attanagliata durante i test invernali, trovandosi tuttavia dopo diversi anni ad affrontare una rivale temibile per il titolo. Una sfida che sta rivitalizzando l’entusiasmo della scuderia campione del mondo, compreso quello del suo Team Principal Toto Wolff.

Nella sua solita preview del weekend di gara, l’austriaco si è detto entusiasta di riprendere la battaglia contro la Red Bull: “Gli eventi back-to-back aumentano l’intensità del calendario, e ciò significa che non si deve aspettare a lungo per avere ancora un po’ di azione in pista. Tutto ciò è davvero entusiasmante, soprattutto dopo un’altra gara equilibrata in Portogallo lo scorso weekend. Siamo usciti da Portimao con due piloti sul podio e con lezioni importanti da imparare, specialmente poiché avremmo potuto portare a casa una doppietta senza il problema al sensore sofferto da Valtteri sul finale. C’è ancora molto lavoro da fare e i rapporti di forza sembrano cambiare da circuito a circuito, perciò sappiamo che bisogna spingere al massimo ogni fine settimana”.

“La sfida con la Red Bull…” – ha proseguito Wolff, proiettandosi verso la prossima gara a Barcellona – “…sarà molto equilibrata nell’arco della stagione, e non vediamo l’ora che fra pochi giorni questa lotta continui in Spagna. In circostanze normali avremmo già passato molto tempo a Barcellona per i test invernali, ma quest’anno non ci siamo andati. Perciò, siamo impazienti di tornare in quella pista e vedere come andiamo. Il circuito di Barcellona è davvero completo, con un mix di curve di diversa tipologia e rettilinei, che lo rendono una bel banco di prova per una vettura di F1. Su questo tracciato gestire le gomme posteriori è la chiave per avere una buona performance, e fin qui questo non è stato uno dei nostri punti di forza. Ci sono state anche alcune modifiche al layout per quest’anno, perciò siamo curiosi di vedere la performance della W12“.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: