Il britannico spera di aiutare la Williams ad abbandonare l’ultima posizione della griglia nel 2021, il primo anno della gestione targata Dorilton Capital.

Questa lunghissima settimana di presentazioni si è conclusa ieri con quella della Williams, che, con l’utilizzo della realtà aumentata, ha svelato la livrea della sua FW43B. Come suggerisce il nome, si tratta di un’evoluzione della vettura dello scorso anno, che ha concluso la stagione all’ultimo posto del campionato costruttori per il terzo anno consecutivo. Un vero disastro per una scuderia che ha fatto la storia della F1. Un profondo piano di rinascita del team di Grove, tuttavia, ha avuto inizio nel 2020: Claire Williams si è fatta da parte, lasciando spazio al fondo Dorilton Capital come nuovo proprietario; l’esperto Jost Capito è stato scelto come nuovo CEO della scuderia, che avrà un super-consulente d’eccezione: Jenson Button. Le uniche soluzioni di continuità sono rappresentate dal Team Principal della scuderia inglese, Simon Roberts, e dalla line-up di piloti: Nicholas Latifi e George Russell.

Proprio Russell, intervistato da Sky Sports dopo la presentazione della FW43B, ha parlato delle aspettative della Williams, mostrando cauto ottimismo verso la nuova vettura di Grove: “Abbiamo grandi speranze di poter fare passi avanti come team. Credo che la macchina sia uno step nella giusta direzione, ma chissà se sarà abbastanza. A dir la verità, la squadra ha fatto davvero un ottimo lavoro, ma dipende anche da ciò che hanno fatto i nostri rivali. Fino a quel sabato sera di qualifiche in Bahrein, nessuno potrà conoscere il reale valore degli avversari. I nostri rivali dello scorso anno faranno un bel passo avanti grazie alla nuova Power Unit Ferrari, perciò noi dobbiamo fare il doppio dei loro miglioramenti per rimanergli vicino. Ogni pre-stagione c’è sempre la solita incertezza. Speriamo, ma ne sono sicuro, che faremo altri piccoli passi avanti”.

Il ventitreenne britannico ha inoltre speso belle parole per il nuovo Senior Consultant della Williams, Jenson Button, con il quale non vede l’ora di lavorare: “Jenson è una bella persona, con cui ho un bel rapporto e mi faccio spesso quattro risate. E’ molto esperto, ha una lunga carriera in F1 alle spalle, ha vinto il Campionato del Mondo ed è anche già stato qui alla Williams. Perciò, credo che sarà un ottimo interlocutore per me ed un grande intermediario tra me e la squadra, dato che ha già vissuto questo tipo di situazioni e le comprende da entrambi i punti di vista. Perciò, dal punto di vista personale, non vedo l’ora di lavorare con lui”.

Russell ha proseguito rispondendo all’immancabile domanda sul suo probabile futuro in Mercedes, che potrebbe scegliere di promuoverlo nella casa madre, al posto di Hamilton o Bottas, nel 2022: “La Mercedes e Toto Wolff mi hanno sempre sostenuto, sin dal primo giorno. Quando crederanno che i tempi sono maturi, sarà il momento giusto. Non gli sto mettendo fretta, sto solo cercando di fare il mio lavoro in pista senza pensare troppo al futuro. Ovviamente lo scorso anno ho avuto l’incredibile opportunità di guidare per loro in Bahrein, ma per adesso tutta la mia concentrazione va verso il lavoro qui in Williams nel 2021″.

“Ogni pilota…” – conclude Russell parlando di un’eventuale sfida a parità di macchina con Lewis Hamilton – “…vuole guidare contro i migliori e Lewis in questo momento rappresenta il punto di riferimento. Allo stesso tempo, ci sono molti piloti fenomenali come Max o Charles i quali, nonostante non abbiano ancora raggiunto i successi di Hamilton, sarebbero degli avversari formidabili a parità di macchina. Poter sfidare uno di questi tre sarebbe bello per qualsiasi pilota”.

Telegram

Instagram https://www.instagram.com/newsf1.it/
Pagina https://www.facebook.com/notizief1
Twitter : https://twitter.com/Graftechweb
Leggi il libro di Aimar Alberto https://amzn.to/3rzWb

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: