Mick Schumacher è soddisfatto del suo esordio in Formula 1 con la Haas, ed ha colpito anche Gunther Steiner per la sua capacità di trovare subito il feeling con la squadra.

Il grande protagonista delle Fp1 è stato Mick Schumacher. Infatti ha potuto finalmente esordire nel circus dopo aver dovuto saltare le PL1 del Nurburgring, e iniziare a prendere confidenza con squadra e macchina in vista del suo debutto nel mondiale di Formula 1 nella prossima stagione.

Mick-Schumacher Alfa Romeo Haas

Il tedesco al sito della Haas, ha espresso la sua soddisfazione per le sensazioni avvertite al volante della VF-20. “Direi che le cose sono andate abbastanza bene oggi nel PL1 mi stavo abituando alla macchina. Passare dalla F2 alla F1 è un grande passo, ma sono contento che sia andato tutto bene”.

Schumacher racconta che tipo di lavoro ha fatto insieme ai suoi futuri ingegneri. “Mi sono sentito a mio agio su ogni cambiamento e poi ad ogni modifica della vettura. Sono partito con la mescola più dura e ho fatto qualche giro consecutivo. Questo è stato bello, perché si costruisce il ritmo e si impara dove si può spingere in ogni curva. Poi siamo passati alla gomma più morbida e questo è stato un salto enorme, la differenza di mescola è qualcosa che si sente in maniera forte”.

Nonostante avesse gli occhi del paddock addosso, il campione del mondo di Formula 2 ha gestito bene la pressione senza commettere errori, ma visto che quest’inverno avrà poco tempo a disposizione per conoscere la macchina vuole sfruttare la sessione per i piloti giovani in programma fra tre giorni. “Non vedo l’ora di tornare in macchina martedì al test”.

Contento per l’approccio avuto da Schumacher nelle Libere 1 e il feeling già trovato con la squadra Gunther Steiner.  “Mick è molto calmo, preparato e professionale. È molto gentile con tutte le persone della squadra. Possono parlargli tranquillamente di qualsiasi cosa. Martedì tornerà in macchina, ma sarà più una questione di conoscere la macchina, di capirla e di migliorare nelle dinamiche con i meccanismi della squadra. Mick verrà sicuramente in fabbrica nei prossimi mesi, ma sarà comunque un aspetto critico da gestire perché la maggior parte dei nostri uomini lavora attualmente da casa”

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: