Christian Horner ha parlato della rivalità con la Mercedes e delle ambizioni di titolo della scuderia anglo-austriaca in un’intervista al New York Times.

Il GP di Monaco tenutosi domenica scorsa ha confermato che nel 2021 la lotta per il titolo tra la Red Bull e la Mercedes sarà lunga e combattuta. Nel Principato la rivalità tra i due team è ufficialmente scoppiata anche fuori dalla pista, viste le continue provocazioni e risposte piccate lanciate da un lato all’altro del paddock riguardo al caso delle ali flessibili, che segue quello del “furto” di motoristi da parte della Red Bull Powertrains ai danni della Mercedes HPP. Anche i due piloti che si contendono il titolo non hanno perso occasione per punzecchiarsi vicendevolmente di fronte ai microfoni, anche se per il momento l’ostilità tra Max Verstappen e Lewis Hamilton sembra lontana dal raggiungere il punto d’ebollizione. Riguardo alla lotta per il titolo e alla rivalità con la Mercedes si è recentemente espresso il Team Principal della Red Bull Christian Horner, intervistato dal New York Times.

Horner

“Spero che la battaglia continui fino a fine stagione: ai fan piacerebbe molto, sono anni che la aspettano, anche se non so se il mio sistema nervoso riuscirebbe a reggerla.” – ha scherzato l’inglese – “Non c’è niente di più esaltante che lottare con Lewis Hamilton, e vogliamo continuare a farlo. Il nostro inverno è stato molto buono e le modifiche regolamentari ci hanno favorito. Siamo riusciti a sistemare alcuni dei punti deboli della macchina, che riguardavano principalmente l’elemento più importante delle vetture odierne, l’aerodinamica. Anche Honda ha fatto un lavoro eccellente, perciò si tratta di una combinazione di fattori”.

“E’ difficile…” – ha proseguito il Team Principal della Red Bull – “…trovare un equilibrio tra sviluppare la vettura di quest’anno e convogliare le forze sul progetto 2022. Adesso stiamo distribuendo le risorse, e finché ci sarà l’opportunità quest’anno, lotteremo. Ci stiamo impegnando al massimo su ogni fronte: Power Unit, aerodinamica, affidabilità, strategia, partenze, pit stop. Serve che tutti questi elementi siano perfetti. Questa squadra ha le corse nello spirito e nel DNA, perciò è molto più soddisfacente scendere in pista sapendo di avere chance di vittoria piuttosto che essere lì solo per partecipare”.

Horner crede inoltre che la battaglia contro la Mercedes andrà avanti ancora a lungo: “La Mercedes è andata male nei test e i media erano in grandissimo fermento, ma è un vero colosso, quindi la sua ripresa è stata solo una questione di tempo: già alla prima gara erano molto competitivi. Noi stiamo spingendo al massimo per tenerli sotto pressione, e continueremo a farlo, siamo vicini. Andremo su piste che favoriscono noi e altre che favoriscono loro, quindi sono sicuro che il campionato sarà equilibrato. Toto ha avuto vita facile negli ultimi sette anni…” – ha concluso il Team Principal della Red Bull, riferendosi al trasferimento di alcuni motoristi della Mercedes a Milton Keynes – “…era ora che si ritrovasse qualcosa d’importante da fare”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: