Al termine del GP dell’Emilia Romagna Mattia Binotto ha sottolineato i passi avanti effettuati dalla Ferrari, riaffermando tuttavia che il focus è sul 2022.

I primi due Gran Premi della stagione 2021 di F1 hanno testimoniato la bontà del lavoro svolto in inverno dalla Ferrari. La Scuderia di Maranello, reduce dal disastro della SF1000 e del 2020, ha infatti dimostrato di poter lottare con la McLaren per il terzo posto nel Campionato Costruttori, sebbene per il momento il team di Woking sembri lievemente più competitivo. L’obiettivo minimo fissato ad inizio stagione sembra dunque essere stato centrato, e il Gran Premio dell’Emilia Romagna di domenica scorsa non ha fatto che aumentare l’ottimismo. Charles Leclerc ha infatti condotto una gara perfetta sul bagnato, conquistando e cementando una posizione sul podio, poi perduta a causa della sfortunata bandiera rossa. Carlos Sainz ha invece effettuato una grande rimonta, conclusasi appena alle spalle del compagno di squadra. L’ottimo quarto e quinto posto di Imola non ha tuttavia soddisfatto appieno la Scuderia, che per molti giri aveva pregustato il podio.

Al termine della corsa Mattia Binotto, mostrando un misto di soddisfazione e rammarico, ha commentato così il risultato: Questa gara, disputata su un circuito completamente diverso rispetto a quello di Sakhir e in condizioni ambientali quasi opposte, ci dà la conferma che il nostro attuale lavoro sta proseguendo nella giusta direzione. Il fatto che non ci accontentiamo se almeno uno dei nostri piloti non ha chiuso sul podio ne è un’ulteriore prova. Possiamo dire con certezza che il bilancio di questi primi due eventi è positivo: era da fine 2019, in Giappone e Messico, che non concludevamo due gare consecutive con entrambi i piloti a punti. Dobbiamo continuare così e mostrare gara per gara che sappiamo come migliorare”.

“Penso che la macchina del 2021 sia dove ce l’aspettavamo…” – ha proseguito il Team Principal della Ferrari – “…perciò c’è una giusta correlazione tra le simulazioni e la pista, il che è ottimo. Per quanto riguarda il 2022, già da gennaio siamo completamente concentrati su quel progetto. Ci saranno altri sviluppi sulla SF21, ma non rappresentano la nostra priorità. Il nostro obiettivo per quest’anno è provare che possiamo migliorare ancora in tutte le aree, e penso che possiamo farcela. In sostanza si tratta di una questione di mentalità e penso che sia molto importante per mostrare che siamo capaci di far progressi. Ma sono già soddisfatto perché abbiamo fatto dei buoni progressi e siamo in una lotta molto serrata con la McLaren per il terzo posto”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: