L’opinione di Mario Isola responsabile Pirelli


“Barcellona è un circuito ben conosciuto dai team e in particolare i test invernali si sono svolti con buone condizioni meteo e quindi più rappresentative per la stagione. Per questa gara, alcuni Team porteranno delle novità sulle monoposto, di conseguenza sarà molto interessante vedere quali effetti avranno sul comportamento dei pneumatici. A questo va aggiunta la continua evoluzione del tracciato, completamente riasfaltato lo scorso anno. Durante i test collettivi abbiamo visto prestazioni significative delle monoposto, quindi ci possiamo forse aspettare un nuovo record del circuito, come già accadde nel 2018”.

 

Le caratteristiche del tracciato

Quello di Barcellona è probabilmente il circuito più conosciuto dai team, grazie anche agli otto giorni di test collettivi pre-stagione, tuttavia rimane un tracciato molto impegnativo. Per la seconda volta quest’anno (dopo il Bahrain), Pirelli ha nominato le tre mescole più dure della gamma: C1, C2 e C3 saranno rispettivamente White hard, Yellow medium e Red soft. Queste tre mescole, scelte per la prima gara europea della stagione, sono la risposta ai carichi molto elevati e al caldo previsto a Barcellona.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Le curiosita’ e altre notizie Pirelli

I tre top team hanno scelto un numero diverso di set di mescole disponibili che suggerisce un diverso approccio strategico: Ferrari ha selezionato più set di soft C3, con scelte differenti tra i due piloti. Lo stesso ha fatto Mercedes.

Martedì 14 e mercoledì 15 si terrà il secondo e ultimo test in-season. Ferrari e Racing Point saranno impegnate con una seconda monoposto nei test di sviluppo Pirelli per il 2020. Il test è blind, quindi i piloti (i cui nomi non sono ancora stati confermati) non riceveranno informazioni sul tipo di soluzioni testate.

Debutta la nuova Formula 3, che sostituisce la GP3. La serie avrà nuove monoposto, con nuovi pneumatici sviluppati da Pirelli. Le velocità saranno simili al passato, ma le caratteristiche delle prestazioni delle monoposto saranno più vicine a quelle di Formula 2 e Formula 1. Questo fine settimana torna in pista anche la Formula 2.