I team di F1 hanno svolto il loro primo test pre-stagionale a Barcellona in Spagna il mese scorso all’ombra delle loro vetture che soffrivano di rimbalzi eccessivi sui rettilinei. Il famoso effetto detto “porpoising”.

Il problema, che è un’eredità del passaggio a un’aerodinamica più effetto suolo per il 2022, ha colpito tutti i team a in una certa misura, ma alcuni sono stati in grado di gestirlo meglio. Tuttavia, sbarazzarsi della focena senza compromettere le prestazioni sarà piuttosto complicato mentre i team si preparano per l’inizio della stagione e ciò potrebbe lasciare i piloti in una situazione in cui dovranno sopportarlo e tenerlo sotto controllo.

La realtà di ciò che i piloti potrebbero dover affrontare dovrebbe diventare più chiara durante il secondo test pre-stagionale di questa settimana in Bahrain, ma il pilota della Ferrari Sainz spera in una soluzione rapida.

“Non è fantastico, ovviamente”, ha detto. “Soprattutto quando pensi che stiamo andando a 300 km/h e stiamo saltando 30-40 mm su e giù. Fastidioso.

“Si spera che sia risolto e non sia qualcosa con cui dobbiamo convivere. È abbastanza al limite. Devi fidarti degli ingegneri e di tutti intorno a te che continuerà a migliorare, man mano che impariamo queste auto ad effetto suolo.”

Valtteri Bottas dell’Alfa Romeo, il cui team ha sofferto molteplici problemi con la focena a Barcellona, ​​ha affermato che il tremore dovuto al rimbalzo ha influenzato la visione durante l’approccio alle curve.

“Direi che influisce un po’ su tutto”, ha detto. “Di sicuro non è molto comodo se succede, visivamente diventa un po’ complicato e perdi il carico complessivo perché fondamentalmente, il livello del carico aerodinamico aumenta e diminuisce e può influire anche sulla frenata.

Una preoccupazione ovviamente è se porti avanti così a lungo l’affidabilità di alcune parti dell’auto. Quindi penso che sia una cosa abbastanza nuova per ogni squadra imparare come affrontarlo e come ottimizzare l’impostazione per affrontarlo. Direi che è stata sicuramente per tutti una sfida”.

Pierre Gasly di AlphaTauri ha ritenuto che i team avrebbero dovuto essere consapevoli del potenziale impatto della focena in determinati periodi delle gare, specialmente quando la pressione dei pneumatici diminuisce e le auto potrebbero naturalmente correre più vicino al suolo.

“Non è così piacevole”, ha spiegato il francese.

“Per quanto riguarda la guida, è stato un po’ scioccante la prima volta che è successo quando abbiamo provato la macchina perché non ce lo aspettavamo. Ma è solo questione di trovare il modo di aggirarlo.

“Sappiamo che in determinate circostanze in gara – safety car, calo della pressione dei pneumatici, ecc. – potremmo affrontarlo e potrebbe effettivamente diventare un problema in gara”. Dovremo pensare a tutte queste diverse situazioni in cui le cose andranno molto peggio.

“Ma al momento, dobbiamo chiaramente mettere in atto lo sviluppo per cercare di migliorarlo perché c’è chiaramente qualche soluzione e penso che alcune squadre l’abbiano ottenuta meglio di altre.

Non siamo in una brutta situazione, ma chiaramente possiamo fare di meglio”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: