Ieri i campioni del mondo sono sembrati stranamente in difficoltà, ma Mercedes spera di tornare ai soliti livelli negli ultimi due giorni di test.

Con la prima giornata di test ufficiali svoltasi ieri, ha finalmente preso avvio la stagione 2021 di F1. Come al solito, è importante precisare che i risultati di tutte le prove pre-stagionali non riflettono le reali performance delle vetture; tuttavia, analizzando i principali avvenimenti delle due sessioni da quattro ore, la prima giornata ha regalato spunti molto interessanti. Da un lato si trovano i team che hanno completato regolarmente i propri programmi, tra cui spiccano Max Verstappen sulla Red Bull e Lando Norris sulla McLaren; dall’altro, invece, alcune scuderie hanno affrontato degli inconvenienti e la squadra che, rispetto alle aspettative, è sembrata più in difficoltà non può che essere la Mercedes.

Il team anglo-tedesco ha praticamente saltato la sessione mattutina per un problema al cambio della vettura di Valtteri Bottas, il quale ha completato solo 6 giri. Al pomeriggio Lewis Hamilton si è invece reso protagonista di tante escursioni fuori pista e bloccaggi, agevolati dalle difficili condizioni ambientali. Per lui il risultato sono stati 42 giri poco puliti ed il decimo posto finale. Un inizio tutt’altro che ideale per il pilota e la scuderia campioni del mondo, che hanno accumulato poco più di un terzo dei giri effettuati da Verstappen.

Al termine delle prime quattro ore di test, Bottas, come riportato sul sito della Mercedes, ha commentato così il suo primo e negativo approccio con la W12: “Tutto il team era carico per il ritorno in pista, ma nel giro d’installazione abbiamo notato un problema al cambio, che abbiamo dovuto sostituire per fare le valutazioni del caso ed individuare il guaio. Quest’operazione richiede ovviamente un po’ di tempo, e solo alla fine della sessione, prima della bandiera rossa, siamo riusciti ad uscire per fare qualche giro. Questi sei giri, tutti disputati con le griglie per evidenziare i flussi, non rappresentano un inizio ideale. Negli ultimi anni i test sono stati quasi sempre perfetti, perciò questa è una nuova esperienza.[…] Sono fiducioso che possiamo recuperare e mi aspetto due buone giornate nel weekend”.

Dopo il suo esordio alla guida della W12, anche Lewis Hamilton ha evidenziato alcune criticità: “Senza dubbio oggi non è stata la nostra giornata più pulita, ma queste sfide vengono lanciate per metterci alla prova. […] La seconda sessione non è stata priva di sfide: […] nonostante tutti gli anni in cui ho guidato su questo circuito, non avevo mai visto una tempesta di sabbia arrivare fin qui. […] Avere la sabbia sugli pneumatici non è ottimale per la loro vita e trovare costanza nei long run diventa difficile. Sul giro secco non ci si trova così male, ma in questo periodo della stagione servono moltissimi giri per accumulare informazioni. La nostra unica scelta è vedere il lato positivo. Ricordo che nel 2007 ebbi 10 giorni di test con la vettura, mentre oggi sono sempre meno: abbiamo solo un giorno e mezzo in macchina prima dell’esordio stagionale. Ci sono gomme diverse e modifiche aerodinamiche, perciò non è affatto facile, ma siamo tutti nelle stesse condizioni. Spero che la mia esperienza di nove anni con questa squadra mi aiuterà ad estrarre il meglio da questa situazione”.

Per il team ha invece parlato Andrew Shovlin, responsabile degli ingegneri della Mercedes: “Da parte nostra oggi è stato un inizio di stagione deludente. Abbiamo perso più o meno tutta la mattinata con Valtteri dopo un problema al cambio, e il nostro programma di lavoro dopo pranzo ci ha portato a scendere in pista in ritardo nella sessione pomeridiana con Lewis. Una volta approdati sull’asfalto, è stato chiaro da subito che la macchina non aveva il giusto equilibrio e, sebbene siamo progrediti durante la giornata, non siamo contenti con la performance della vettura ed è chiaro che bisogna lavorare molto. Siamo rimasti assai indietro sulla tabella di marcia dei test e necessitiamo di trovare un po’ di equilibrio e velocità, ma abbiamo a disposizione ancora due giornate e tutte le opportunità per recuperare la situazione”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: