Il pilota della Ferrari Charles Leclerc afferma che adeguerà il suo approccio alla battaglia con altre vetture se gli steward manterranno la loro decisione di non penalizzare Max Verstappen in Brasile.

Dopo che Verstappen ha tenuto dietro Lewis Hamilton spingendolo fuori strada alla curva 4 nella gara della scorsa settimana a Interlagos, in Brasile, i commissari hanno deciso di non aprire un’indagine formale sull’incidente durante la gara, in cui Verstappen alla fine è arrivato secondo.

Tuttavia, la Mercedes ha successivamente presentato una richiesta di diritto di ricorso innescato da prove video dalla telecamera rivolta in avanti di Verstappen che non era disponibile per gli steward in quel momento.

Leclerc afferma che se la decisione rimarrebbe questa, e cioè Max non penalizzato, regolerà la sua guida, proprio come ha fatto dopo il suo incidente con l’olandese al GP d’Austria 2019.

In quell’occasione Verstappen rimase impunito dopo essersi fatto strada e spinto Leclerc fuori negli ultimi giri della gara prima di andare a conquistare la vittoria.

“Sì, devi sempre adattarti a ogni situazione, ad ogni decisione che stanno prendendo gli steward”, ha detto Leclerc. “Appena ho saputo che non era una penalità per Max in Austria, sono venuto a Silverstone e ho cambiato guida. Quindi penso che sia un po’ lo stesso per ogni pilota, cercheremo sempre di correre al limite di quello che ci è permesso fare. E questo è quello che farò se nel caso queste cose sono consentite. L’Austria è stata di nuovo una situazione un po’ diversa, e dopo abbiamo potuto correre un po’ più duramente, il che penso sia stato un bene per la F1, per lo spettacolo. Questa situazione era un’altra. Lascerò agli steward il compito di dire cosa ne pensano.”

Leclerc ha insistito sul fatto che non aveva preferenze in termini di risultato: “Onestamente, non mi dispiace davvero. Ma qualunque cosa sia consentita, allora voglio solo che sia chiaro come pilota. Questa è l’unica cosa che conta per me. Se questo è permesso, il sorpasso all’esterno sarà molto difficile. Ma sì, qualunque sia la situazione, la decisione è che adatterò la mia guida ad essa, quindi sto bene con entrambi”.

Il compagno di squadra di Leclerc in Ferrari, Carlos Sainz, ha convenuto che i piloti seguiranno il caso Verstappen, ma non è stato sorpreso che il pilota della Red Bull sia rimasto impunito in Brasile.

“Un pilota sfrutta ogni opportunità a suo vantaggio”, ha detto quando gli è stato chiesto da Autosport. “Penso che l’auto all’interno abbia sempre la preferenza e la capacità di allargare l’altra vettura, ma se anche l’auto all’interno va larga, è quello che dobbiamo chiarire. Voglio dire, ultimamente è stato un po’ più così. Ma se rimetti davvero il tuo punto di vista, ad esempio, sull’Austria [quest’anno], allora ci sono un paio di cose da rivedere. Quello che è successo in Austria in realtà è con alcuni casi molto simile. Quindi sì, sono sicuro che ci sarà qualche conversazione nelle riunioni dei piloti solo per chiarire un po'”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: