Importanti novità sulla stagione 2020 di F1, funestata dal Covid-19, dove Imola, Nurburgring e Portimao sono pronte ad entrare in calendario.

Ha cambiato tutto, il Covid-19. Tutto, sia per quanto riguarda la nostra vita quotidiana, le nostre abitudini, sia per quanto riguarda il mondo dello sport.
Non pochi sono stati gli effetti della pandemia sul mondo della F1 e dal punto di vista regolamentare e dal punto di vista sportivo, ma non solo.
Per uno sport mondiale infatti, la pandemia ha avuto pesanti ripercussioni sulla stesura del calendario, poiché non tutte le mete previste in tutto il mondo potranno essere toccata, dato il disomogeneo sviluppo del Coronavirus.
Per questo, il calendario della stagione 2020 è stato profondamente rivisto e, probabilmente, sarà a forte carattere Europeo. Prorio a questo proposito, si dice che Imola, Nurburgring e Portimao  siano pronte ad entrare nel calendario 2020.

Queste tre date, di fatto, sarebbero una comoda e funzionale soluzione per Liberty Media per ampliare un calendario che, ad oggi, vanta solo 10 appuntamenti. Nei progetti, le gare dovrebbero arrivare a 15-18, ma alcuni stati si stanno tirando indietro. Per questo Formula Uno ha necessità di rimpiazzare questi eventi con altri in terra Europea per avere comunque un buon numero di gare in paesi dove la pandemia è maggiormente controllata.

Per Imola, la voce di un ritorno non è recente. Il come back sarebbe clamoroso, poiché dal 2006 la pista sulle rive del Santerno è assente dal calendario di F1.
Non solo, ma quella Emiliana, sarebbe la terza tappa Italiana in questa strana annata. Di fatto, un gran successo per il nostro paese, oltre che un gran segnale di ripresa che l’Italia lancia a tutto il mondo.

Parlando di date, la gara Imolese dovrebbe comparire in calendario il 20 Settembre, 7 gironi dopo il Mugello, per motivi logistici.

Per le altre due gare che, a breve, dovrebbero essere annunciate, si parla di un inserimento in calendario verso Ottobre/Novembre. Esse, dunque, dovrebbero porsi prima della fine del mondiale in Bahrain e Abu-Dhabi.
Ma, come fatto con Imola, andiamo ad analizzare le altre due papabili new-entry del calendario 2020.

Parlando del Nurburgring, la candidatura è sorprendente, poiché da mesi si parla di Hockenheim come possibile gara in terra teutonica. Anche per la pista a margine della Nordschleife vecchia sarebbe un grande ritorno poiché dal 2013 la F1 è assente su quel tracciato.

Parlando, infine, di Portmao che, come detto in precedenza, sarebbe favorevole a disputare una gara su un’autodromo omologato FIA, in un paese ove la minaccia Covid-19 sembra essere meno pericolosa che altrove.

Una scelta, questa, necessaria dal momento che molti team e addetti ai lavori stanno alzando la voce mostrandosi contrari ad andare in paese dove il Coronavirus sembra essere in aumento e/o furori controllo come in Europa.

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: