Finita un’altra stagione di F1 nel segno degli “esa-campioni” Hamilton e Mercedes, la Ferrari si ritrova a fare l’ennesimo bilancio di una stagione di rimpianti. Probabilmente con la necessità di cambiare qualcosa nell’organigramma del team.

L’ultimo Gran Premio di F1 2019 è stato il sunto della stagione della Ferrari: tanti errori strategici (forse figli della mancanza di serenità), e la prestazione della SF90 in netto calo (soprattutto sul lento e in gestione gomme) rispetto a Mercedes e Red Bull.

E tutto questo porta a fare delle considerazioni: la struttura organizzativa della Scuderia funziona correttamente?

Tutto parte dal vertice: Mattia Binotto è un buon Direttore Tecnico, ma è anche, al contempo, la figura adatta a fare il Team Principal?
Quest’anno la gestione del team (leggasi gestione strategie box e piloti) è sembrata più debole rispetto a quella delle passate stagioni, dove Maurizio Arrivabene era stato additato come capro espiatorio “sacrificato” sull’altare della “crescita” di Binotto.

Ma dopo un’intera stagione è palese che la scelta non ha pagato, andando a peggiorare negli ambiti sopracitati, già carenti nelle scorse stagioni (e qui ci si chiede ancora come Inaki Rueda, responsabile delle strategie muretto, possa rimanere al suo posto nonostante la lunga serie di errori, in costante crescita).

Ma il problema vero è: sono disponibili delle alternative?
I migliori sulla piazza, Toto Wolff e Christian Horner, sono legati a doppio filo con i rispettivi team (Mercedes e Red Bull), e neppure un’offerta faraonica del Cavallino potrebbe convincere uno dei due ad approdare a Maranello.

Dubbi che riempiranno il lungo inverno della Scuderia, ma in tanto “è già domani”.
Da martedì infatti scatteranno i test Pirelli delle gomme specifica 2020, decisivi per capire se questa specifica verrà effettivamente utilizzata nella prossima stagione o se si rimarrà con le gomme tipo 2019.

L’ennesima lotta politica, per il quale servirebbe un Team Principal “scaltro”.
In Ferrari si riveleranno all’altezza?

Di Giuseppe Saba (Twitter: @saba_giuseppe )

 

A proposito dell'autore

Professionista del settore Sviluppo e Gestione Risorse Umane, appassionato "fino al midollo" di Motorsport e Automotive, vorrebbe far confluire queste due competenze nel "lavoro dei sogni". Perché " se lo puoi sognare, lo puoi fare". LinkedIn: https://it.linkedin.com/pub/giuseppe-saba/103/260/51b Twitter @saba_giuseppe

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: