Ci sono volute ben 4.000 sterline (5.400 dollari) per Horner per rivendicare l’onore con i proventi dell’asta destinati al Grand Prix Trust.

Il capo della squadra ha scherzato sul fatto che avrebbe portato quante più persone possibile in gita dietro le “linee nemiche”, tra cui “Adrian [Newey], lui stesso, Pierre Waché e probabilmente Paul Field, il direttore di produzione. “Sarà interessante andare a vedere come stanno spendendo il loro limite di budget…” Ha commentato.

Non sarà la prima visita di Horner alla fabbrica Mercedes, ha rivelato: “David Coulthard ci ha invitato, Martin Whitmarsh era lì. Sono andato con Adrian. Ovviamente sapeva come muoversi e ovunque volesse andare non ci era permesso!

“Abbiamo visto i dipartimenti di marketing ed elettronica e abbiamo pranzato molto bene, e questo è tutto!” ha ricordato Horner, che ha concluso insistendo quanto i soldi fossero stati ben spesi, per una “grande causa”.

Per oltre tre decenni il Grand Prix Trust ha fornito aiuto e consigli al personale di bordo e di fabbrica della Formula 1, insieme a tutti coloro che sono direttamente coinvolti nel nostro grande sport globale, per aiutare a rimettere in sesto la propria vita quando le cose vanno male.

Negli ultimi anni hanno ampliato questo supporto alla più ampia comunità della F1, estendendolo a tutti i dipendenti (compresi i loro parenti stretti) che lavorano o hanno lavorato per aziende nella filiera della F1 per due o più anni.

Horner e il suo rivale Mercedes Toto Wolff hanno guadagnato notorietà la scorsa stagione quando la rivalità per il titolo tra Lewis Hamilton e Max Verstappen è andata fuori pista, con le loro battute che hanno fatto notizia per tutto l’anno.

Sarà interessante vedere come la Mercedes riceverà Horner e i suoi ospiti Red Bull per il tour di Brackley.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: