La Ferrari ha annunciato il suo ritorno al top della forma con la pole e la vittoria nella gara di apertura della stagione in Bahrain, seguita poi da una buona prestazione al Gran Premio dell’Arabia Saudita, dove Charles Leclerc ha lottato per la vittoria con Max Verstappen fino agli ultimi giri della gara, solo per perdere a quest’ultimo per il più piccolo dei margini.

La Mercedes, nel frattempo, è andata bene solo per il quinto e il decimo posto rispettivamente con George Russell e Lewis Hamilton, per non dimenticare l’out dalla Q1 durante le qualifiche da parte del sette volte campione del mondo.

“Dopo due gare possiamo vedere che c’è stato un cambio di potere in Formula 1”, ha detto l’ex campione Hakkinen nella sua rubrica Unibet.

“Sapevamo dalla gara di apertura in Bahrain che Charles Leclerc sembrava incredibilmente forte alla Ferrari, ben supportato dal compagno di squadra spagnolo Carlos Sainz.

Ma ora che la Red Bull sembra aver risolto il problema della vaporizzazione del carburante che ha causato il ritorno di entrambe le vetture dalla prima gara, sono altrettanto competitive.

“La Mercedes ha una serie significativa di problemi da risolvere se vuole raggiungere Red Bull e Ferrari. Devono farlo abbastanza rapidamente perché le prime due squadre spingeranno così tanto sul proprio sviluppo.

“E’ stato molto strano vedere le vetture Mercedes partire 6° e 16°, con Lewis Hamilton chiaramente scontento dell’assetto della sua vettura”, ha ammesso l’ex pilota della McLaren.

Riflettendo sulla lotta tra Verstappen e Leclerc a Jeddah, Hakkinen ha dichiarato:

“Questa è stata una lotta fantastica per la vittoria. Abbiamo visto il meglio di Charles e Max là fuori, ed è fantastico vedere quanto siano equamente abbinati. C’è chiaramente un buon livello di rispetto tra loro e si fidano l’uno dell’altro quando gareggiano così da vicino.

È fantastico vedere Ferrari e Red Bull così vicine, quindi la domanda ora è vedere quale di loro può sviluppare la propria vettura più rapidamente.

Sergio Perez è colui che ha “rubato” da sotto il naso del monegasco la Pole del sabato, e Hakkinen è rimasto colpito dalla sua prestazione di quest’anno:

“È stato davvero gratificante vedere Checo segnare la sua prima pole position in Formula 1”, ha rivelato. “Undici anni, 220 Gran Premi, è molto tempo da aspettare per questo, ma hai bisogno di una macchina competitiva e lui sta davvero sfruttando al meglio questa opportunità.

Mostra quanta fiducia ha nella vettura ed è una buona notizia per la Red Bull che Checo sia in grado di spingere le prestazioni al limite. Il tempismo della Safety Car è stato un disastro per lui, ma queste cose accadono e devi solo rimanere concentrato e cercare di recuperare”, ha sottolineato il campione di F1 1998 e 1999.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: