E’ prima la Ferrari nel Gran Premio della Malesia, grazie alla vittoria di Sebastian Vettel al volante della SF15-T. Scattato dalla seconda posizione della griglia, il pilota della Scuderia è riuscito a concludere davanti alle due Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg. Quarta l’altra SF15-T del compagno di squadra Kimi Raikkonen, obbligato ad un inatteso pit-stop al secondo giro a causa di una foratura, ma poi capace di risalire fino ai piedi del podio. Ad attendere ora i protagonisti del Circus della Formula 1 due settimane di pausa, prima dell’appuntamento in programma sul tracciato cinese di Shanghai.

Pos Pilota Scuderia

Giri

Distacco

1

Sebastian Vettel Ferrari

56

1h 41:05.793

2

Lewis Hamilton Mercedes

56

+8.569

3

Nico Rosberg Mercedes

56

+12.310

4

Kimi Räikkönen Ferrari

56

+53.822

5

Valtteri Bottas Williams-Mercedes

56

+1:10.409

6

Felipe Massa Williams-Mercedes

56

+1:13.586

7

Max Verstappen Toro Rosso-Renault

56

+1:39.085

8

Carlos Sainz Toro Rosso-Renault

55

+1 Lap

9

Daniil Kvyat Red Bull-Renault

55

+1 Lap

10

Daniel Ricciardo Red Bull-Renault

55

+1 Lap

11

Romain Grosjean Lotus-Mercedes

55

+1 Lap

12

Felipe Nasr Sauber-Ferrari

55

+1 Lap

13

Sergio Pérez Force India-Mercedes

55

+1 Lap

14

Nico Hülkenberg Force India-Mercedes

55

+1 Lap

15

Roberto Merhi Marussia-Ferrari

53

+3 Laps

 

Rit.

Pastor Maldonado Lotus-Mercedes

47

Ritiro

Rit.

Jenson Button McLaren-Honda

41

Ritiro

Rit.

Fernando Alonso McLaren-Honda

21

Ritiro

Rit.

Marcus Ericsson Sauber-Ferrari

3

Ritiro fuori pista

NP.

Will Stevens Marussia-Ferrari

0

Ritiro non parte

A proposito dell'autore

Post correlati

1 risposta

  1. maxleon

    Oggi la vittoria di Vettel è stato il capolavoro di Allison, perchè nonostante un secondo settore (quello più guidato) non certo brillante, a dimostrazione che ancora c’è molto da fare sul fronte dell’aerodinamica, meccanicamente la SF15-T ha fatto la differenza sulla gestione delle gomme, perchè motoristicamente non c’è storia, la Mercedes è ancora davanti a tutti, ma deteriora molto le gomme.

    Detto questo la vittoria di Vettel mi esalta ancora di più, perchè nonostante le difficoltà nel “guidato”, il tedesco è riuscito a stare davanti sia in qualifica che in gara a dimostrazione che ha qualità da vendere e non si è “abituato” alla “guida sui binari” della vecchia Red Bull con gli scarichi soffiati ma soprattutto dimostra che la Ferrari ha enormi possibilità di miglioramento, sia sul fronte motore che sull’aerodinamica, chissà se con un motore più performante, non possano permettersi di aumentare anche l’inclinazione dei profili 😉 , per contro non direi che la Mercedes ha le medesime possibilità, non solo perchè ha meno gettoni a disposizione per lo sviluppo motoristico, ma anche perchè il propulsore è già quasi al massimo dello sviluppo, inoltre il fatto che consumano di più le gomme non è una cosa che possono risolvere dall’oggi al domani, a meno che non cambino ancora in corsa le specifiche delle gomme, e magari con altri test “illegali”.

    Altra cosa importante è che questo risultato sia arrivato solo alla seconda gara, mentre si prevedevano tempi piuttosto lunghi per il recupero, stavolta la pretattica l’ha fatta Arrivabene, l’ago della bilancia è stato Kimi, che nonostante la sfiqa che lo perseguita, partendo praticamente ultimo è riuscito comunque ad arrivare quarto, a dimostrazione che la Ferrari è una realtà.

    Infine volevo fere i miei complimenti a Marco Asfalto per aver azzeccato in pieno le sue previsioni sul maggior consumo delle gomme e, perdonate anche la mia presunzione, perchè mi faccio da solo i complimenti per aver correttamente interpretato la precedente gara e condiviso l’assunto di Marco, spero solo di aver imbroccato anche le previsioni sullo sviluppo.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: