Ai microfoni di Ziggo Sport, l’olandese della Red Bull ha chiarito che nello stesso team non potranno mai esserci due numeri uno nonostante tra di loro ci sia un buon rapporto.

Il periodo natalizio coincide come sempre con molte parole e la totale mancanza di attività in pista. Le squadre sono al lavoro per ultimare le monoposto della stagione 2020, ma tra Max Verstappen e la Ferrari non scorre buonissimo sangue ultimamente. L’olandese della Red Bull targata Honda ha spesso punzecchiato il Cavallino nel finale di campionato, con la frase ”non vincono più perchè hanno smesso di barare” che non è molto piaciuta ai grandi capi della storica Scuderia di Maranello. Il rapporto tra il figlio d’arte ed il Cavallino non è mai stato idilliaco.

L’amministratore delegato Louis Camilleri ha infatti chiuso le porte in faccia all’olandese in ottica di un possibile arrivo in futuro, portando il giovane talento della Red Bull ad una dura risposta ai microfoni di Ziggo Sport: ”Ho un buon rapporto con Leclerc, è un rivale duro, ma fa parte del gioco. Lui non ha influenza sul fatto che io possa avere un posto in Ferrari. Non credo che succederà: non dovresti mai avere due potenziali numeri uno accanto”.

Il rapporto tra i due si era incrinato dopo il gran duello in Austria, quando Super Max portò fuori pista il monegasco nel duello per la vittoria. Da quel momento in poi li abbiamo visti spesso ai ferri corti, con Charles Leclerc vincitore della splendida lotta a Silverstone. A Suzuka c’è stato un altro contatto alla partenza, con Verstappen che stava attaccando il ferrarista all’esterno della seconda curva. Il #16 ha commesso un errore portandolo fuori pista, per cui i confronti tra questi due fenomeni non sono mai mancati nel corso dell’anno.

L’idea di vederli sulla stessa monoposto stuzzica parecchi appassionati, ma per il momento tutto ciò sembra qualcosa di irrealizzabile. Negli ultimi giorni Helmut Marko ha chiaramente affermato che è arrivato il momento di fornire una monoposto vincente a Max, il quale potrebbe guardarsi intorno per il 2021. In quella stagione il mercato piloti potrebbe scatenare una vera e propria rivoluzione con i big in scadenza di contratto al termine del prossimo anno. Ed i colpi di scena sono dietro l’angolo.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: