Il 9 volte campione mondiale di motociclismo ha parlato di F1 e dell’astro nascente della Ferrari. Charles Leclerc è stato definito un fenomeno da Valentino Rossi.

Valentino Rossi è l’unico pilota nella storia del Motomondiale ad aver vinto il titolo in quattro classi differenti: 125, 250, 500 e MotoGP. Nessuno meglio di Rossi può comprendere gli aspetti che si celano dietro ad un talento precoce del motorsport.

Leclerc è un fenomeno, un pilota vero – ha dichiarato Valentino Rossi a Skysi vede dai risultati che ha ottenuto. Ha vinto la GP3, ha vinto la GP2 al primo anno, è arrivato in Formula 1 con l’Alfa Romeo ed è andato subito forte. È salito sulla Ferrari e sta facendo paura. È fortissimo, Monza secondo me è stato un weekend indimenticabile. La Formula 1 è bella perché c’è tutta la generazione futura, da Norris a Verstappen, che va forte“.

Verstappen leclercCharles Leclerc ha stupito tutti, compreso un campione come Rossi, e dopo essersi laureato a Spa nell’Università della F1, ha deciso di prendersi a Monza una specializzazione sui tracciati più veloci della storia della Formula 1. Le parole in conferenza stampa post GP hanno messo in luce un carattere duro e molto maturo per un ragazzo di soli 21 anni.

Charles Leclerc ha ammesso in press conference: “E’ stata la prima volta che ho pensato di avere un solo risultato: la vittoria”, e ancora nel giovedì pre-gara brianzolo: “Sono orgoglioso e ora siamo qui in Italia e sono focalizzato sul lavoro da fare qui. Non ho festeggiato ad essere sinceri la vittoria a Spa”, ha raccontato Leclerc. Un ragazzo che, in pista, dimostra una ferocia da veterano, ma che rimane molto concentrato anche fuori dall’abitacolo.

Leclerc, Verstappen, Norris, Russell rappresentano il presente e, certamente, il futuro della categoria regina del motorsport. Talenti cristallini, che vogliono dimostrare tutte le loro doti sfidando coraggiosamente la vecchia guardia della F1, come accaduto a Monza tra il pilota monegasco della Ferrari e il cinque volte campione del mondo Lewis Hamilton.