I piloti di Formula 1 hanno espresso le loro opinioni sull’incidente tra Lewis Hamilton e Max Verstappen durante il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone .

Difficilmente ci si dimenticherà di ciò che è accaduto a Silverstone. Lo scontro che ha visto coinvolti Lewis Hamilton e Max Versappen è stato davvero terribile. L’unico a rimetterci le penne è stato l’Olandese che per fortuna n’è uscito illeso ma è ancora tutt’ora sotto accertamenti. Un primo incidente che ci aspettavamo succedesse già molto prima, ma forse non in questo modo. Il contatto ha mandato Verstappen contro le barriere in un enorme impatto di 51G. Hamilton è stato penalizzato di 10 secondi per l’incidente, mentre Verstappen è stato portato in ospedale per controlli precauzionali.

Dopo la gara sono state tante le opinioni in merito su chi abbia avuto la maggiore colpa. Anche i piloti hanno espresso un parere sull’accaduto.

Lewis Hamilton: “Non sarò vittima di bullismo”

“Ho cercato di dargli lo spazio, ma ero piuttosto lungo verso l’interno in 9 e nessuno di noi si è tirato indietro e questo è stato il risultato finale. L’ho preso in giro, mi sono spostato a destra per quel divario ed ero abbastanza vicino a lui, ma poi ho potuto vedere che non si sarebbe tirato indietro, e siamo andati all’angolo e ci siamo scontrati. Quando qualcuno è troppo aggressivo, queste cose sono destinate ad accadere. Non c’è molto altro da dire per me – spero che stia bene, perché ovviamente mi piacerebbe avere una battaglia ruota a ruota per l’intera gara, mi piace correre con lui e non vedo l’ora – ma non mi tirerò mai indietro.”

Charles Leclerc: “Difficile anche dare la colpa”

“È molto difficile giudicarlo dalla macchina. Dall’ on board è difficile vedere tutto ed è successo tutto molto velocemente. Penso che sia stato semplicemente un incidente di gara. È abbastanza difficile dare la colpa all’uno o all’altro. Ovviamente c’era lo spazio all’interno. Forse Lewis non era completamente all’apice, ma è anche vero che Max è stato piuttosto aggressivo all’esterno. Le cose succedono, ma penso che la cosa più importante oggi sia che Max sia illeso e stia bene”.

Valtteri Bottas: “Sentivo sarebbe successo qualcosa”

“Li ho visti combattere durante il primo giro, un po’ come ieri. Avevo la sensazione che sarebbe successo qualcosa, ma ovviamente stavano lottando duramente. Succede questo genere di cose, sono le corse. Può succedere quando combatti duramente e non ti arrendi. Sono solo felice che Max stia bene perché è stato un grande. Ma Lewis meritava pienamente la vittoria oggi”.

Lando Norris: “Ha giudicato un po’ male”

“Non lo so, è molto difficile. Entrambi i piloti hanno rischiato molto e Lewis ha ricevuto una penalità, quindi hanno pensato che fosse di Lewis la colpa. Andare all’interno è una cosa molto difficile da fare, soprattutto perché quando entri a una velocità così elevata all’interno l’angolo è così stretto. Non lo so, non voglio dire niente”.

Daniel Ricciardo: “Hamilton è andato troppo caldo”

“È stato sicuramente un brutto risultato. Ovviamente è ad alta velocità, non ci vuole molto per averne uno grosso così. Quando sei in una curva così veloce e solo fianco a fianco, entrambi perdono aerodinamica, in particolare Lewis lì con Max in un po ‘di aria sporca. Ma penso che entrambi stessero andando a ruba. Completamente involontario, ma sono la natura dell’aerodinamica di queste auto e devi solo consentire un po’ di più, ma di certo non starò qui seduto a giudicare e dire che avrebbe dovuto fare quello o quello”.

Carlos Sainz: “Difficile giudicare”

“Ovviamente ho dato un’occhiata, e onestamente ho avuto un po’ di sentimenti contrastanti con l’incidente. Prima di tutto, auguro a Max una pronta guarigione, perché ho sentito che l’incidente è stato piuttosto grande. Penso che in sé sia ​​molto difficile da giudicare. Solo entrambi sanno cosa avrebbero potuto fare diversamente per evitare l’incidente. Era molto combattuto, ovviamente stanno lottando per grandi cose e preferirei non giudicare troppo”.

Fernando Alonso: “Hamilton non poteva svanire”

“E’ difficile da fuori. Sembrava abbastanza vicino, Lewis aveva più di mezza macchina accanto a Max. Quindi, in un certo senso, Lewis non poteva scomparire dalla linea interna, non è che tu possa sparire. È stato un momento sfortunato della gara, ma niente di intenzionale o niente che uno dei due piloti abbia sbagliato secondo me”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: