E’ sotto gli occhi di tutti cosa accade dopo la pausa estiva in casa Red Bull, la vettura, oramai da anni, esce sempre rivitalizzata nel mese di Settembre come se in Agosto invece di essere a riposo e ritrovarsi le porte di Milton Keynes ‘sigillate’ (cosa che accade a tutte le altre squadre) si lavorasse invece il doppio rispetto agli altri. La casa delle lattine riesce quindi ad aggirare il fermo delle ferie sempre molto bene presentandosi a fine estate in gran forma. E’ sotto gli occhi di tutti anche un altro particolare ovvero le grandi scintille che provoca a terra la vettura Anglo-Austriaca; ricordiamo che ad inizio anno era stato vietato un dispositivo che otteneva un abbassamento del posteriore quando la vettura era in alta velocità, questo permetteva di ottenere una sorta di effetto suolo ed anche diminuire la sezione frontale del corpo macchina. La RB sembrava aver sbagliato il progetto ad inizio stagione, la monoposto appariva semplice, poco raffinata e senza le geniali soluzioni di Newey; era molto probabile che il team avesse puntato tutto su questa sospensione che poi fu ridimensionata e di fatto vietata trovandosi così in difficoltà rispetto a quanto progettato in inverno. Oltretutto la power unit Renault non sembrava ancora al livello degli altri competitors e piuttosto fragile. Bisogna dare comunque atto al costruttore Francese che il loro propulsore è migliorato tantissimo in termini di potenza tuttavia le alte velocità in rettilineo della RB fanno sospettare che l’apparato uscito dalla porta sia poi rientrato dalla finestra, migliorato e forse conforme al regolamento anche se non si riesce a capire come visto che la sospensione non deve essere in alcun modo attiva ed accumulare energia. La dipartita di Budkowski che andrà a lavorare proprio per la Renault e il ritorno in auge di Whiting, che ha tirato i fili della F1 per tempo immemorabile, lasciano più di qualche sospetto su quanto stia accadendo in questo fine di stagione. Di contro abbiamo la RB che ha un solo desiderio, far vincere Verstappen in un modo o nell’altro ed in questa sua battaglia è sicuramente appoggiata anche da Liberty Media che vede di buon occhio il rampollo visto il movimento di tifosi che si è creato intorno a lui; una sorta di hooligans che lo segue dappertutto, anche in capo al mondo, bisogna comunque ammettere che la F1 ne sta traendo un certo giovamento e che ovviamente si cercherà in tutti i modi di andare incontro alla RB che a questo punto si conferma come il team più potente ed astuto del circus; riuscendo ad approfittare di una situazione molto favorevole; il campionato è al termine e di fatto già assegnato; nessuno ha voglia di mettersi a fare ricorsi e denunce sui dispositivi altrui; la Mercedes per ora è sazia; la Ferrari ha da pensare al prossimo anno e terminare la stagione in maniera onorevole; la Honda è occupata a cercare un minimo di affidabilità e prestazioni in chiave 2018; gli altri team fanno da spettatori visto che di certo, essendo piccoli, non vogliono farsi nemici. In un ambiente del genere la RB può spadroneggiare come non mai portando avanti il pilota sul quale sta puntando platealmente, giovane, sfrontato, prepotente, il veicolo adatto per vendere le lattine preferite dai ragazzi che sono il bacino d’utenza della casa Austriaca, il tutto quasi ignorando un grande pilota che hanno in casa, Ricciardo, che fino ad oggi ha surclassato, in termini di punti mondiali, l’enfant prodige Olandese.

Marco Asfalto

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: