Racing Point convocata dai commissari al termine del GP del 70° anniversario per irregolarità alle prese dei freni. Reperimenda in arrivo.

Sembrava terminata con la decisione dei commissari arrivata lo scorso Venerdì, la questione legata all’irregolarità delle prese dei freni della Racing Point.
Una questione nata dal reclamo mosso da Renault ai danni del team Inglese, partita dalla copiatura delle brake ducts della Mercedes dello scorso anno.
Una reclamo che ha portato gli steward a prendere dei provvedimenti. Alla RP è stata comminata una multa, decurtati 15 punti nel mondiale costruttori per una gara, e assegnate due reprimende per le gare successive.
Gli strascichi della questione però sono proseguirti poiché, appurata la colpevolezza del team, al termine della gara del 70esimo anniversario, è arrivata la convocazione dei delegati tecnici della Racing Point dai commissari FIA, per discutere della irregolarità di queste prese dei freni.

Come detto in apertura, la questione sembrava terminata Venerdì mattina, dopo la decisione della Federazione Internazionale. In realtà, la questione non è affatto terminata. Al termine del secondo GP a Silverstone, i commissari in sede di verifica in parco chiuso hanno riscontrato ancora una volta l’irregolarità delle brake ducts della RP20.

 

Un fatto inevitabile, dato che la FIA ha “autorizzato” Racing Point a proseguire il mondiale con queste brake ducts, pur non essendo legali. Una decisione ambigua, ma dettata dalla convinzione che, avendo già il know-how Mercedes, il team Rosa avrebbe replicato pedissequamente le vecchie, illegati prese freno. Tanto valeva allora mantenerle in vettura e sanzionare poi il team a fine gara.

Per questo, non avendo sanzionato il team nelle precedenti due gare, i commissari hanno convocato dei delegati tecnici del team per discutere di questo fatto.
Alla fine, in modo scontato, gli steward hanno comminato una reperimenda al team. Una decisione in linea a quanto fatto nei due round precedenti e in linea con quanto recita il documento FIA.

Di fatto, una penalità non propriamente detta, per l’ex Force India. Di fatto, il team sia in termini monetari che di punti ha pagato per una sola gara questa irregolarità.
Proprio questo è l’elemento che sta mandando su tutte le furie i team rivali della Racing Point. Essi infatti, capeggiati da Renault hanno annunciato un reclamo contro il provvedimento FIA, che dovrebbe essere ufficializzato a breve. Un reclamo che, inevitabilmente, avrà lunghe e importanti conseguenze e che potrebbe anche coinvolgere il team Mercedes.

 

Immagine

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: