In questi giorni bui, in cui il virus silente e mortale si diffonde in Italia, c’è una categoria di persone “non indispensabili” che vedono il proprio futuro diventare sempre più imperscrutabile. Formula1 Coronavirus 

 

Se infatti i grandi team di F1 hanno una chiusura “imposta” dalla Federazione, c’è tutto un mondo di corse e macchine che non conosce l’avvenire. Escludendo qualche pazzo americano, il mondo del motorsport è fermo. Nessuna gara è in programma, ma tutti i progetti per il futuro non si possono fermare. Se in F1 le vetture che seguono i regolamenti attuali hanno visto la propria vita allungata di un anno, tutte le altre categorie attendono decisioni che tardano ad arrivare. Se in un paese come l’Italia il settore è “chiuso” per legge, all’estero non è così. Soprattutto la Germania sembra non voler arrestare l’industria e questo mette in difficoltà tutti i fornitori Italiani, che al momento non possono produrre. Questo potrebbe portare i giganti tedeschi a rivolgersi a fornitori locali. Questo significa lavoro perso che difficilmente sarà possibile recuperare in tempi brevi. E lo stesso vale per tanti altri paesi del mondo Formula 1 Coronavirus

Questa chiusura, invocata a gran voce dalle regioni del Nord Italia, traino dell’economia nazionale, può essere sopportata sì, ma per quanto a lungo?

E’ una cosa raccapricciante, ma da un punto di vista meramente lavorativo, oggi le aziende italiane devono sperare che a breve la chiusura dell’industria avvenga in tutto il mondo.

Formula 1 COVID-19

Il lavoro agile o smart working infatti è un palliativo: Formula 1 Coronavirus

al di là della manifattura, della produzione dei componenti, le attività di meeting e progettazione, fatte a distanza, diventano comunque complesse. Nessuno oggi è un Forghieri, la progettazione non avviene mai da soli e il confronto è necessario. Un confronto che via Skype è sempre più difficile, anche tenendo conto che le idee fluiscono con più difficoltà, non tutti vedono la stessa cosa in contemporanea e soprattutto la connessione audio/video è spesso instabile. Probabilmente lo smart working aiuterà aziende “vecchio stile” che facevano riunioni fiume molto spesso inutili. Chi invece era già efficiente, vedrà un rallentamento anche delle attività di progettazione.
Questo momento è difficile, ma bisogna ricordare che anche un settore “non necessario” come il motorsport, al di là del risollevare gli animi, intrattenere, fornire uno svago alle persone… è composto da persone che a fine mese, devono portare uno stipendio a casa,

Articolo by Ing.  @WernerJrQuevedo

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: