Per arrivare in fondo ad un Campionato occorrono molte qualità, bisogna essere veloci innanzitutto, programmare con cura tutte le fasi di ogni week end, essere coraggiosi, possedere tecnica ed essere costanti soprattutto; in 7 week end si svolgono 2 gare alla volta per un totale di 14 corse; per ottenere dei risultati importanti bisogna sempre andare a punti, avere in Squadra dei Piloti col piede pesante e che abbiano un rendimento sempre al top; che siano puliti nella guida e che non commettano errori; e poi, ovviamente, un Team che lavori nella giusta direzione; ecco sembra quasi naturale dire che stiamo parlando dell’Audi Sport Italia; ma di naturale c’è ben poco, c’è programmazione e scelte sempre oculate. I Driver della Casa dei 4 anelli rappresentano un equipaggio che tutti vorrebbero avere nella propria Squadra; esperienza e velocità ai massimi livelli hanno portato la vettura n. 8 ad essere ad 1 solo punto dalla vetta dopo 4 gare.

Il week end di Imola è iniziato con il 2° posto nelle Q1 ottenuto da Marco Mapelli a circa 7 decimi dalla 1° posizione; mentre il suo compagno di squadra, Filipe Albuquerque nelle Q2 ha ottenuto una 4° posizione a soli 2 decimi dalla Pole Position. Ottima la condotta dei Driver in GARA 1; Marco Mapelli scivola in 3° posizione al primo giro per poi riprendersi la casella di partenza subito dopo; buona la progressione nel 1° stint che culmina nel personale best-timing della tornata n. 14 segnando sul crono 1:42.758 su un totale di 15 tornate alla media di 1:43.312; purtroppo un problema alla gomma posteriore sinistra ha fatto perdere secondi preziosi al Team, ricordiamo che al momento della sosta era 2°, lo pneumatico stava perdendo pressione ed è stato sostituito, operazione che si deve eseguire solo dopo aver fatto trascorrere il tempo imposto da regolamento per il cambio conduttore; così Filipe Albuquerque è rientrato in 3° posizione scivolando poi nella 4° casella per il gioco dei cambi; qui ha iniziato un lungo inseguimento alla vettura che lo precedeva culminato nel sorpasso alla 27° tornata agguantando così il gradino più basso del podio, trasformato poi in 2° posizione per l’esclusione dalla gara della Lamborghini n. 32 del Team Imperiale Racing (2° al traguardo); ecco la media dello stint del veloce Pilota Portoghese, 1:44.264, con l’Audi R8 LMS molto stabile nel consumo pneumatici.

GARA 2 è stata una specie di lotta nell’arena col solo scopo di sopravvivere, tanta acqua in pista e uscite soprattutto alla Rivazza; e Filipe Albuquerque ha dimostrato un sangue freddo davvero invidiabile tenendo la macchina in pista in condizioni proibitive; la gara è stata interrotta al giro 11 proprio mentre Albuquerque stava cedendo il volante a Marco Mapelli con classifica del giro precedente; vittoria per l’Audi che esce da Imola con un buon bottino di punti e con tante certezze per il Campionato; la Squadra è forte, motivata e soprattutto molto regolare nella performance.

Marco Asfalto

Foto Andrea Bonora

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: