Lewis Hamilton ha vinto a San Paolo nonostante la squalifica e una penalità. La sua carta vincente era la macchina migliore. La Red Bull rimane dubbia sull’eccezionale velocità massima dimostrata dalla Mercedes. È il nuovo motore o un trucco dell’ala posteriore?

Quello del Brasile è stato un weekend particolare per la Mercedes, tra conferme e certezze. Che la monoposto di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas fosse la migliore è stato confermato sin dalle qualifiche con un vantaggio di 0,438 secondi. Ma la squalifica nei confronti dell’Inglese che lo ha costretto a partire dall’ultima piazzola nella Sprint Race, è stata una doccia fredda. Un’altra penalità al motore, poi, è costata altre cinque posizioni di partenza nella gara principale.

Lewis Hamilton, però, ha dimostrato che qualsiasi ostacolo risulta superfluo.

Il 7 volte campione del mondo non solo ha recuperato 15 posizioni nella sprint race del sabato arrivando quinto e partito ultimo, ma è riuscito a superare altri 9 avversari la domenica riuscendo addirittura a vincere di forza la domenica riducendo a 14 i punti tra lui e Max Verstappen per il mondiale. I numeri che riguardano la Mercedes sono impressionanti: Hamilton ha volato 21,7 km/h più veloce attraverso il punto di misurazione alla fine del rettilineo di partenza. Nella gara principale, invece, la differenza è stata di 15,2 km/h. Questa superiorità si riflette anche nei migliori tempi di settore. Le due rette del percorso si trovano nel primo settore e nel terzo settore. Entrambe le sezioni vanno chiaramente ad Hamilton. Settore 1 da 18,281 a 18,643 secondi, settore 3 da 16,396 a 16,744 secondi. Nella tortuosa sezione centrale, Verstappen guadagna solo un decimo di secondo sul pilota della Mercedes nel suo giro più veloce.

Il direttore tecnico della Red Bull Adrian Newey spiega così il vantaggio della Mercedes: “Con la loro eccezionale velocità massima ci hanno costretto a fare due cose. In primo luogo, abbiamo guidato con un carico leggermente inferiore rispetto al previsto. In secondo luogo, i nostri piloti hanno dovuto attaccare nella sezione centrale per recuperare il ritardo. Questo ha fatto scaldare troppo le gomme. “

Per mesi, Red Bull ha cercato di capire perché la Mercedes sia una forza sui rettilinei.

C’erano molte teorie, ma nessuna ha portato un risultato chiaro. Il direttore sportivo Helmut Marko ha attribuito parte della superiorità al nuovo motore: “La Mercedes è riuscita a fare un capolavoro per evocare un tale razzo nella parte decisiva del campionato”. Sempre secondo Red Bull, la differenza tra vecchio e nuovo motore è di circa 20 CV. Honda beneficia di un massimo di sei-otto CV con un nuovo motore.

Dopo aver cambiato il motore negli USA, anche Valtteri Bottas ha un’unità relativamente fresca nella sua auto. Il segreto del sorpasso sta nella trazione. Secondo gli ingegneri Mercedes, il segreto del sorpasso di Hamilton non è solo una salutare velocità massima. “Avevamo una trazione migliore dalle curve 3 e 12. Quelle sono le curve davanti ai rettilinei. A Interlagos, la trazione è una questione di temperatura delle gomme posteriori e di come puoi girare in curva. Il nostro assale anteriore era molto stabile. Nelle due curve ti rovini le gomme se guidi in modo troppo aggressivo. E paghi per questo più tardi.”

Un’ora e mezza prima dell’inizio della gara principale, Adrian Newey e il capo ingegnere Paul Monaghan si sono imbattuti di nuovo nell’ufficio del direttore tecnico della FIA Nikolas Tombazis con due taccuini in mano. Si trattava di nuovo dello stesso argomento di venerdì. Al momento la Red Bull vuole solo un chiarimento.

“Vedremo come la FIA interpreterà la questione”, ha detto Newey. Marko pensa che una protesta sia prematura: “Non abbiamo ancora abbastanza dati per agire contro di essa. Sarebbe l’ultima risorsa”. La Mercedes è tranquilla su una protesta. “Non si troverà nulla”, ammette il team principal Toto Wolff.

La Mercedes sa di cosa si è lamentata la Red Bull alla FIA. “Stanno facendo qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto prima della gara di Baku”, ha suggerito il team principal Christian Horner.

Sulla Red Bull e su poche altre vetture in campo, il lembo dell’ala posteriore si è ripiegato quando è stato superato un certo carico. Su iniziativa della Mercedes, la FIA ha introdotto regole più severe per la flessibilità degli elementi dell’ala posteriore dal GP di Francia. Ciò ha costretto sei squadre a irrigidire le ali.

Alla Mercedes, il trucco dovrebbe funzionare al contrario. La lama principale dell’ala è nella visiera. Presumibilmente si deforma deliberatamente verso il basso e quindi apre lo spazio dell’ala posteriore più del consentito. Questo è praticamente invisibile dall’esterno perché la patella copre l’elemento inferiore.

Verstappen era ovviamente esperto di questa teoria. Mentre esaminava l’ala posteriore di Hamilton nel Parco Chiuso, premeva sull’elemento inferiore, non su quello superiore.

Il sospetto della Red Bull e la violazione del DRS sulla vettura di Hamilton sono due casi diversi. Accadono casualmente nella stessa area dell’auto. Quello che Red Bull si lamenta è un effetto deliberatamente creato. Ciò che ha portato la squalifica della Mercedes è stato un difetto. Tutto indica che le due viti che fissavano il lembo alla piastra terminale destra si erano allentate.

Tornando alla domanda iniziale, infine, la Mercedes ha rialzato la testa nel momento clou del campionato, non dando a Max Verstappen il match point della partita. In Qatar potrebbe però, tuttavia, essere decisiva la vittoria di uno dei due piloti.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: