Dott. Jekyll o Mr. Hyde, ecco lo strano caso di Lewis Hamilton, il Re di Silverstone, il Pilota che due settimane fa ha fatto tutto in modo impeccabile, un week end mostruoso condito da Pole, vittoria e giro più veloce, con successivo bagno tra la folla di Fans tutta British.

Sembrava lanciato verso la definitiva gloria, Lewis, dopo Silverstone, ed invece ecco nuovamente la metamorfosi del Campione, con i tanti e inspiegabili alti e bassi, una costante tanto in questa stagione, quanto in tutta la carriera.

Oggi in Ungheria si è rivisto il Lewis umorale, negativo, quello che nelle interviste glissa le risposte e che sembra rassegnato a fare da comparsa nella trionfale cavalcata Rossa, consapevole del fatto che la Ferrari sul Circuito Magiaro ha quel qualcosa in più, proprio come la sua Mercedes a Silverstone.

Week end fin qui complicatissimo per Lewis, macchina difficilissima da gestire, errori in frenata, guida non pulitissima, lamentele continue via radio, sinonimo oltre che di un set up forse non ottimale anche di un certo nervosismo, quando le cose non sembrano andare per il meglio.

 

Ecco allora che i vecchi “fantasmi” ritornano, a gettare dubbi sull’Hamilton, sempre più caso da Dott. Jekyll o Mr. Hyde.

Picchi di classe e talento purissimo, come dimostrato in questa stagione a Silverstone, Baku e Montreal ma anche débâcle inspiegabili come Monaco, Baku e oggi.

Nella ormai lunga e tiratissima sfida all’OK Corral, per stabilire chi sarà l’erede di Nico Rosberg sul tetto del mondo, ma soprattutto per stabilire chi è il miglior Pilota del decennio tra lui e Vettel, la costanza del Tedesco potrebbe essere maggiormente premiata, rispetto all’estro, alla classe, ma alla troppa incostanza attuale del Pilota Inglese.

Ok le difficoltà della Mercedes W08, vettura forse troppo imprevedibile in determinate condizioni ma urge il miglior Lewis anche quando si deve correre in difesa e non solo attaccare.

Adesso, subito, finché c’è ancora tempo, anche perché potrebbe poi essere troppo tardi (vedasi ultime gare del 2016) e il proprio destino non più nelle proprie mani ma dipendente da altri fattori.

 

Che Lewis vedremo oggi alla partenza del G.P. ,Dott. Jekyll o Mr. Hyde  ?!!!

L’Hamilton veloce, che getta il cuore oltre l’ostacolo, che non si arrende mai, oppure quello rassegnato visto a Sochi e Monaco ?!!!

Dott. Jekyll o Mr. Hyde, chi prenderà il sopravvento nella strada verso il Titolo, contro la Ferrari e  Sebastian Vettel  ?!!!

                                                                                                                  

 

 

                                                                                                Davide Cacciotto