Piloti al limite, tutti quanti, ormai non ci sono più scuse ne compromessi, Leclerc riesce a comandare sia il Q1 che il Q2, mettendo le Red Bull a inseguirlo, perdono la possibilità di qualificarsi per il Q2 Magnussen, Zhou, Albon, Latifi e Ocon, (con quest’ultimo che non ha in realtà nemmeno preso parte alle stesse). Al termine del Q2 il pubblico è in delirio, soprattutto i ferraristi, presumibilmente per le prestazioni mostrate da Leclerc. Verstappen lo insegue sia nel Q1 (a 362 millesimi di distanza) sia nel Q2 (ma questa volta a soli 72 ms) mentre nel secondo trance di tentativi vengono eliminati Schumacher, Alonso, Galy e incredibilmente anche Vettel e Russell che non superano il taglio. Diversamente da quanto siamo abituati a vedere questa volta è stato Hamilton a prevalere sul compagno di squadra riuscendo a passare il taglio guadagnandosi un posto in Q3, cosa che questa volta Russell non è riuscito a fare, non per colpa sua però visto che il team lo ha lasciato ai box dopo il primo tempo segnato in Q2 credendo che fosse più che sufficiente per passare il taglio, il britannico partirà cosí solamente dalla sesta fila nella gara di domani.

La FIA ha poi iniziato una investigazione nei confronti di Sainz per aver presumibilmente impedito Alonso, ma i commissari hanno deciso di non punire lo spagnolo, evidentemente non ritenuto colpevole di alcunchè.

Iniziato il Q3 Verstappen ha messo subito in chiaro che con lui non si scherza, Leclerc potrà anche aver preso la migliore prestazione di Q1 e Q2, ma Max fa registrare al cronometro un incredibile 1:28:991 il primo a infrangere il muro dei 1:29 e conquistando, almeno provvisoriamente la pole position, (nel mentre va segnalato che la pressione atmosferica si è leggermente abbassata). Ma Leclerc non si lascia intimidire e rimette subito in chiaro le cose ribaltando la situazione e conquistandosi definitivamente la pole position con il crono fermato a 1:28:796. Seconda posizione per Sainz che chiude a 190 millesimi dal compagno di squadra, forse anche l’errore di ieri pomeriggio non ha aiutato del tutto a rendere sicuro lo spagnolo e a sfruttare al massimo la monoposto che ha. Max si è quindi dovuto accontentare della terza posizione (seconda fila insieme al compagno di squadra Perez), anche per il fatto di aver fatto un piccolo errore nel corso dell’ultimo giro cronometrato del Q3 che gli ha precluso la possibilità di lottare con i due ferraristi che si stavano migliorando. Prima fila tutta rossa dunque e seconda tutta Red Bull, certo Horner non può dirsi scontento, ma nemmeno del tutto soddisfatto visto il potenziale dei suoi piloti e delle sue macchine, ma la gara si riduce a domani e ancora una volta, tutto può succedere.

Di seguito la classifica completa nonchè la griglia di partenza per il GP di domani sera (ore 21:30 CEST):

1ª Fila1. Charles Leclerc  1:28.796
Ferrari
 2. Carlos Sainz 1:28.986
Ferrari
2ª Fila3. Max Verstappen 1:28.991
Red Bull
 4. Sergio Perez 1:29.036
Red Bull
3ª Fila5. Valtteri Bottas 1:29.475
Alfa Romeo
6. Lewis Hamilton 1:29.625
Mercedes
4ª Fila7. Pierre Gasly 1:29.932
AlphaTauri
 8. Lando Norris 1:30.676
McLaren
5ª Fila9. Yuki Tsunoda 1:31.062
AlphaTauri
 10. Lance Stroll 1:31.062
Aston Martin
6ª Fila11. Fernando Alonso 1:30.160
Alpine
 12. George Russell 1:30.173
Mercedes
7ª Fila13. Sebastian Vettel 1:30.214
Aston Martin
 14. Daniel Ricciardo 1:30.310
McLaren
8ª Fila15. Mick Schumacher 1:30.423
Haas
 16. Kevin Magnussen 1:30.975
Haas
9ª Fila17. Guanyu Zhou 1:31.020
Alfa Romeo
 18. Alexander Albon 1:31.266
Williams
10ª Fila19. Nicholas Latifi 1:31.325
Williams
 20. Esteban Ocon s.t.
Alpine

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: