Notizie F1

Gara sprint in Formula 1: un bene per l’audience, un male per Verstappen

La Formula 1 nel 2022 ha rivoluzionato tutte le sue monoposto introducendo un massimo cambio regolamentare che ha letteralmente stravolto non solo l’aspetto estetico ma anche tecnico delle vetture che prendono parte al massimo campionato di competizione di vetture a ruote scoperte. All’interno del “pacchetto” previsto per aumentare l’audience in giro per il mondo, oltre al cambio regolamentare, sono stati introdotti anche dei weekend di gara in cui si provava il formato della sprint race: anticipate al venerdì le qualifiche per stabilire la griglia di partenza di una vera e propria mini gara che si disputa il sabato e dal cui ordine di arrivo si ottengono i veri e propri piazzamenti di partenza della gara di domenica (un format rivisitato di quello che succede in Formula 2). Nonostante la critica iniziale, a molti sono piaciuti questi weekend di sprint race, non sicuramente a Max Versappen che ha ventilato l’ipotesi di poter lasciare la F1 se i cambiamenti in arrivo dovessero rivelarsi troppo drastici rispetto a quanto siamo abituati a vedere:

“Sono contento solo della gara principale. Penso che sia molto meglio per l’eccitazione “, ha detto a Sport TV. “Naturalmente, ovviamente, spero che non ci saranno troppi cambiamenti, altrimenti non sarò in giro per troppo tempo”.

Lascia un commento