Alexander Sims ottiene la seconda pole consecutiva in Arabia Saudita sulla sua BMW. Secondo posto per la Nissan di Buemi davanti a Di Grassi ed Evans. Settimo Bird davanti a Mortara.

Seconda qualifica stagionale per la Formula E ed ancora una volta è la BMW di Alexander Sims ad ottenere la pole in Arabia Saudita. Sul tracciato di Diriyah è il pilota britannico a far segnare il miglior tempo in 1’11”476, con le prestazioni che sono nettamente scese rispetto a ieri grazie ad una pista più gommata. Al secondo posto nella superpole si è piazzato Sèbastien Buemi con la Nissan E Dams, attardato di tre decimi dalla vetta. Terza l’Audi di Lucas Di Grassi che ha preceduto la Jaguar di Mitch Evans. Quinto posto per la Mahindra di Jerome D’Ambrosio mentre c’è grande delusione in casa DS Techeetah: alla fase finale si era qualificato infatti un velocissimo Antonio Felix Da Costa, il quale avrebbe potuto fare la pole se non avesse commesso un errore nel giro decisivo, chiudendo sesto.

Di seguito riportiamo la sintesi della sessione odierna:

Nel Q1 vanno in pista entrambe le Virgin e le Mercedes, ma è presente anche la Porsche di Andrè Lotterer e la Nissan di Oliver Rowland. La pista è estremamente sporca e questo non facilita di certo il lavoro ai primi sei scesi sul tracciato. Nonostante questo i tempi sono eccezionali con il vincitore di gara 1 Sam Bird che sale in cattedra in 1’12”007, con prestazioni nettamente migliori rispetto alla prima qualifica. Il secondo tempo è per Lotterer davanti alla Mercedes di Stoffel Vandoorne. Frijns sull’altra freccia d’argento commette un errore e chiude ultimo a due secondi dalla vetta.

Il Q2 vede una grande prestazione di Jerome D’Ambrosio con la Mahindra che in 1’11”835 scala la classifica precedendo la BMW di Alexander Sims e la Jaguar di Mitch Evans. Edoardo Mortara entra nella top six con la Venturi, alle spalle di Bird e davanti a Lotterer. Delude nuovamente Massa che è decimo subito dietro a Pascal Wehrlein il quale resta molto lontano dal compagno di squadra che guida il gruppo.

Nel Q3 si assiste ad un nuovo avvicendamento in testa. Antonio Felix Da Costa porta davanti a tutti la DS Techeetah in 1’11”418, con il quale rifila quattro decimi agli inseguitori. D’Ambrosio e Sims scendono al secondo e terzo posto, mentre Lucas Di Grassi artiglia un quarto tempo con un’Audi ancora non troppo performante. Evans e Bird restano tra i primi sei e Mortara scivola al settimo posto. Male Neel Jani con l’altra Porsche che non va oltre la sedicesima piazza davanti a James Calado e dietro la NIO di Oliver Turvey.

Il Q4 vede la qualificazione di Sèbastien Buemi al volante della Nissan E Dams. Lo svizzero ottiene la seconda posizione a tre decimi dalla vetta, mentre gli altri non riesco ad entrare in superpole. Le Geox Dragon di Brendon Hartley e Nico Muller restano nelle retrovie, così come l’altra Audi di Daniel Abt per la grande delusione di Allan McNish nel box di Ingolstadt. Malissimo anche il campione del mondo Jean-Eric Vergne che viene escluso. Nella fase finale della qualifica arrivano dunque Di Grassi, D’Ambrosio, Evans, Buemi, Sims e Da Costa.

Il primo ad andare a caccia del miglior tempo nella superpole è Mitch Evans a bordo della sua Jaguar, il quale fa segnare un 1’11”929. Lucas Di Grassi scalza subito il neozelandese andando in testa con la sua Audi in 1’11”784. Subito dopo arriva il poleman di ieri, Alexander Sims, che con la sua BMW sale in cattedra in 1’11”476 allungando sulla concorrenza. Non benissimo Jerome D’Ambrosio con la Mahindra che chiude quarto in 1’12”093, restando a più di mezzo secondo dal battistrada. Ottimo secondo posto per Sèbastien Buemi con la Nissan che ottiene un 1’11”696, portandosi ad un paio di decimi dalla vetta. Antonio Felix Da Costa sbaglia tutto e conclude sesto ed ultimo di gruppo, dunque Sims ottiene la seconda pole in altrettante qualifiche qui ad Diriyah.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: