Mattia Binotto, Team Principal della Ferrari, non è sicuro che vengano date concessioni a potenziali nuovi produttori di propulsori a causa del continuo interesse dei marchi Porsche e Audi del Gruppo Volkswagen.

Le parti interessate della F1 hanno discusso per diversi mesi su come sarà la prossima generazione di propulsori alla loro prevista introduzione nel 2026, concordando sulla rimozione della MGU-H.

Ciò ha suscitato l’interesse dei marchi VW Porsche e Audi, con discussioni che continuano ancora oggi su potenziali concessioni per garantire che i produttori in arrivo non siano non competitivi nei confronti dei rivali che hanno più esperienza con i turbo ibridi esistenti. In particolare il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto ha ammesso che mentre qualsiasi nuovo arrivato avrebbe “bisogno di ricominciare da capo” e che potrebbero esserci ulteriori indennità per gli investimenti CapEx, non ritiene che ciò debba valere anche per il lato operativo.

“Su altre risorse come dyno hours o OpEx, non sono troppo sicuro delle concessioni”, ha detto Binotto.

“Se sei un nuovo arrivato, hai un vantaggio sul fatto che sei concentrato solo sul nuovo sviluppo. Mentre noi come produttori attuali dobbiamo dividere i nostri sforzi tra le operazioni correnti e quelle che saranno le nuove. Penso che la rimozione della MGU-H, che è stata concordata, implichi che sia un progetto nuovo di zecca per tutti. Quindi si ricomincia da zero per tutti e non credo che abbiano uno svantaggio. Penso che abbiano competenze sui combustibili rinnovabili. Hanno competenze in elettricità. Non sono troppo sicuro che manchino delle competenze per sfidare gli attuali produttori”.

Il neo-nominato vicepresidente del Motorsport Porsche, Thomas Laudenbach, ha recentemente affermato che le condizioni per un ingresso in F1 si stanno “avverando”. Ma ha avvertito che non può “aspettare troppo a lungo” per decidere su un potenziale ingresso.

Porsche ha soppesato il coinvolgimento in F1 per diversi anni e ha persino iniziato un progetto del motore per il 2021 prima che i piani venissero scartati per rivedere i regolamenti.

L’attuale capo della McLaren F1 Andreas Seidl in precedenza ha supervisionato gli interessi motoristici di Porsche. Guidando il successo del ritorno del marchio al livello più alto delle corse automobilistiche attraverso il programma LMP1 che ha vinto la 24 Ore di Le Mans nel 2015-17.

“Il mio approccio è sempre stato che anche come nuovo arrivato, ad esempio quando siamo entrati a Le Mans, non ho voluto alcuna concessione”, ha detto Seidl. “Perché voglio competere con i concorrenti su un piano di parità. Immagino che devi accettare quando inizi uno sport o altri sport che potrebbe anche volerci del tempo per costruire questa competitività. Allo stesso tempo, non ho dubbi anche sulla cronologia che è in atto, quando vediamo entrare in vigore i regolamenti, chiunque entri in F1”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: