I due sfidanti per il mondiale hanno commentato le parole del CEO della McLaren, che ha giudicato “inevitabile” un incidente tra Verstappen ed Hamilton.

Nei giorni scorsi hanno fatto discutere alcune dichiarazioni di Zak Brown, CEO della McLaren. L’americano, durante l’evento di presentazione della livrea celebrativa sfoggiata questo weekend dalla scuderia inglese, ha dichiarato di ritenere “una questione di tempo” prima che i due grandi rivali per il titolo piloti, Lewis Hamilton e Max Verstappen, si scontrino in pista e siano costretti al ritiro, sperando inoltre che un evento del genere possa favorire il team di Woking. Le parole di Brown, sebbene facessero parte di un discorso più ampio che celebrava la rivalità tra l’inglese e l’olandese, sono dunque divenute uno dei temi più caldi della conferenza stampa del GP di Monaco, durante la quale sia ad Hamilton che a Verstappen è stato chiesto di fornire il proprio punto di vista.

Queste le parole dell’inglese: “Mancano ancora 19 gare e la possibilità di contatto c’è, ma speriamo che ciò non accada. Penso che ci sia un bel rispetto reciproco tra noi due. Forse lui sente di aver qualcosa da dimostrare, mentre io non sono nella stessa condizione ed ho una mentalità più impostata sul lungo termine piuttosto che sulla singola gara. Continuerò a comportarmi così e farò di tutto per evitare di entrare in contatto con lui”.

L’olandese ha invece risposto così sia ad Hamilton che a Brown: “Non ho niente da dimostrare. Penso che evitare un contatto dipenda da entrambi i piloti, quindi siamo stati bravi. […] Speriamo di poter continuare a lottare duramente e restare in pista quando combattiamo l’uno contro l’altro. Onestamente non so che altro dire su queste cose: non è che proviamo volontariamente a scontrarci. Sostenere che ‘è solo una questione di tempo’ prima di un incidente serve soltanto a fare i titoloni. Credo che dire queste cose ti permetta di avere più lettori, rispetto a dire che fin qui abbiamo disputato delle belle gare”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: