Nonostante la Mercedes abbia conquistato sia le FP1 che le FP2, Max Verstappen e Sergio Pérez hanno percepito buone sensazione dalla RB16B.

Le prime due sessioni di prove libere del GP del Portogallo hanno sostanzialmente confermato che Mercedes e Red Bull continueranno a fare la parte del leone anche questo weekend. Le basse temperature, il forte vento e la scivolosità dell’asfalto di Portimao non hanno tuttavia risparmiato anche le due leader della Classifica Costruttori, che hanno avuto difficoltà, come tante altre scuderie, a mandare in temperatura gli pneumatici e a gestirli durante i long run. Nonostante la Mercedes abbia ottenuto il miglior tempo in entrambe le sessioni, la Red Bull è sembrata più a suo agio sul passo gara con Max Verstappen, confermando l’assoluto equilibrio tra i due team. Al termine della giornata sia l’olandese sia Sergio Pérez si sono detti soddisfatti della RB16B, che tuttavia, secondo entrambi, è ancora lontana dalla perfezione.

L’olandese non ha particolarmente apprezzato le condizioni del circuito, che come lo scorso anno fornisce poco grip: “E’ andata bene, ma anche stavolta è stato difficile con un asfalto così scivoloso. So che la situazione è uguale per tutti, ma non è proprio il massimo del godimento guidare in queste condizioni. E’ tutto molto simile allo scorso anno: ovviamente gli pneumatici sono diversi e la macchina ha meno carico, ma in pratica le condizioni sono rimaste molto complesse. Ed è un peccato, perché tutto ruota intorno alle gomme e alla loro temperatura, e non dovrebbe essere così. Però, come ho già detto, siamo tutti sulla stessa barca. La macchina mi è sembrata ok e pare che siamo molto vicini alla Mercedes, ma sicuramente bisogna lavorare per domani”.

Come Verstappen, anche Pérez, nonostante la grande scivolosità del tracciato di Portimao, ha ricevuto buone sensazioni dalla RB16B:

“In pratica è molto simile allo scorso anno. In queste condizioni è assai difficile portare le gomme nella giusta finestra d’utilizzo, perciò credo che il tema principale sarà capire cosa sta accadendo con gli pneumatici. Penso che sulle medie siamo stati veloci ma poi sulle soft non abbiamo trovato lap time, quindi dobbiamo analizzare cosa non abbia funzionato con quel set. Speriamo di risolvere il tutto per la qualifica. E’ difficile percepire se le novità sulla macchina abbiano funzionato: il feeling è che su questa pista ci sia meno grip in generale e perciò è molto complicato fare paragoni. Penso che la macchina sia veloce, quindi domani dovremmo certamente trovarci in lotta per la pole position“.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: