Dopo un’ottima sessione di test invernali, la Red Bull sembra finalmente in grado di lottare con la Mercedes sin da inizio stagione.

A meno di una settimana dall’inizio del campionato 2021 di F1, gli appassionati vivono una di quelle situazioni paradossali che rendono meraviglioso il circus. Nonostante i regolamenti siano stati congelati e le macchine siano in larga parte identiche a quelle dello scorso anno, nei test invernali la dominante Mercedes ha avuto il suo peggior inizio di stagione degli ultimi sette anni, a causa dei problemi di affidabilità e bilanciamento che hanno afflitto la W12. Non solo: la scuderia di Brackley sembra esser stata superata in vetta dalla Red Bull, che ha disputato tre giorni di test praticamente perfetti. Ciò rappresenta un fatto sorprendente, poiché il team anglo-austriaco, nonostante i proclami del suo management, è noto per partire con una vettura più lenta rispetto al team egemone, per poi recuperare il distacco durante l’anno grazie agli sviluppi. Che il 2021 rappresenti dunque la volta buona per il team di Milton Keynes?

Il primo fattore che bisogna sottolineare è che, almeno fino al termine dei primi due-tre weekend dell’anno sarà impossibile dare verdetti oggettivi sulle possibilità di lottare per il mondiale della Red Bull. Le tre giornate di test hanno evidenziato una Mercedes in difficoltà, ma già altre volte, grazie alle proprie risorse economiche e conoscenze tecniche, il team anglo-tedesco è riuscito a ribaltare i pronostici alla prima gara (vedi 2019). Il problema della Stella è il brevissimo lasso di tempo tra la fine dei test ed il primo Gran Premio della stagione, che potrebbe impedire al team di Brackley di estrarre il 100% del potenziale dalla W12 in Bahrein. In quest’ottica, la Red Bull non può esimersi dal cercare di sottrarre quanti più punti possibile ai rivali, che ad inizio stagione potrebbero avere problemi. Problemi che, al contrario, la RB16B non ha mostrato durante i test.

Sebbene sia un’evoluzione della vettura dello scorso anno, l’ultimo prodotto di Adrian Newey e del suo team di tecnici è parso impeccabile. Max Verstappen ha perciò realizzato il miglior tempo della tre giorni di test, un primato relativo, dato che durante le prove invernali tutti evitano di mostrare il proprio vero potenziale, ma comunque da sottolineare, soprattutto se è corroborato dall’affidabilità praticamente perfetta del motore Honda. Proprio il propulsore sembra rappresentare un asso in più nella manica della Red Bull in questo 2021. Nonostante abbia deciso di abbandonare la F1 a fine stagione, la casa giapponese ha introdotto una Power Unit profondamente modificata e migliorata, che poi sarà affidata alla scuderia anglo-austriaca dal 2022 al 2024. Il management della Honda ed Helmut Marko hanno perciò mostrato ottimismo nei confronti del nuovo motore, che potrebbe aver colmato il gap con il motore Mercedes.

Un ulteriore punto di forza della Red Bull nel 2021 è la line-up di piloti. Dopo aver mostrato di avere la classe del campione, Max Verstappen ha soltanto bisogno di avere tra le mani una vettura da titolo. La scuderia di Milton Keynes sa di avere con sé uno dei migliori piloti del circus, ma allo stesso tempo non può più tradire le promesse di titolo fatte ogni anno all’olandese. La grande novità si trova tuttavia nell’altro lato del garage. L’arrivo di Sergio Pérez, pilota all’apice della propria carriera e che, con la sua esperienza, saprà portare a casa risultati pesanti per la scuderia anglo-austriaca, rappresenterà un’arma in più nel Campionato Costruttori. Allo stesso tempo, Christian Horner ed Helmut Marko dovranno essere bravi a smorzare eventuali tensioni tra questi due piloti velocissimi, così da massimizzare i risultati e sottrarre punti alla Mercedes.

Per tutti questi motivi, nel 2021 la Red Bull avrà la miglior opportunità di lottare per il titolo dal lontano 2013. Dopo cinque anni di collaborazione tossica con Renault e due stagioni promettenti (ma niente più) al fianco di Honda, per la prima volta nell’epoca ibrida la scuderia di Milton Keynes pare aver messo insieme tutti i pezzi necessari per completare il puzzle del titolo mondiale. Le difficoltà che sembrano affliggere la Mercedes potrebbero rappresentare un ulteriore vantaggio in vista della lotta per la corona iridata.

Telegram

Instagram https://www.instagram.com/newsf1.it/
Pagina https://www.facebook.com/notizief1
Twitter : https://twitter.com/Graftechweb
Leggi il libro di Aimar Alberto https://amzn.to/3rzWb

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: