Nel Gran Premio inaugurale della stagione 2022 di Formula 1, la Red Bull non ha conquistato neanche un punto con i ritiri di entrambi i piloti per cause ancora da accettare. Marko a mente serena ha spiegato i motivi della debacle in Bahrain e ha parlato della prestazione Ferrari.

Alla vigilia della gara in Bahrain, il team di Milton Keynes partiva come favorito. La pole di Charles Leclerc ha rovinato i piani mentre la gara ha fatto il resto.

Helmut Marko ha riflettuto su quello che ha definito un weekend “molto amaro” in Bahrain, e ha detto ai media dopo la gara:

“Avevamo sperato di vincere ma, in gara, non siamo riusciti a tenere il passo della Ferrari. Erano più veloci nel settore due, ma abbiamo anche perso nei rettilinei contro di loro. Abbiamo anche avuto problemi ai freni, che ci hanno costretto a rallentare noi stessi”, ha aggiunto.

“Se Max avesse guidato un normale outlap, sarebbe stato davanti a Leclerc. Se sei in vantaggio, il mondo sembra improvvisamente molto diverso”.

Come se i problemi di ritmo non fossero abbastanza per la Red Bull, la RB18 di Verstappen ha sviluppato un problema allo sterzo dopo il secondo pitstop, poi ha perso potenza a due giri dalla fine.

“La parte peggiore è, ovviamente, il doppio guasto di entrambe le vetture. Alla fine, c’era qualcosa con la fornitura di carburante. Ma cosa è andato storto? Non lo sappiamo”, ha continuato Marko.

“Qualcosa è andato storto al pit-stop di Verstappen e qualcosa è stato danneggiato”, ha aggiunto l’austriaco.

“Doveva usare molta forza in curva e sapeva come gestirlo, ma poi ha avuto problemi con la batteria, o almeno così pensava Max: si è rivelato poi essere il rifornimento di carburante”.

Anche Sergio Perez ha subito un’improvvisa perdita di potenza nell’ultimo giro. “Con Max, si erano annunciati, in un certo senso, circa un giro e mezzo prima”, rifletté Marko.

“Con Perez pensavamo che il problema si fosse stabilizzato, ma all’improvviso non aveva più potenza, non era colpa sua”. Ma siamo solo alla prima gara “È la prima gara. La base dell’auto è buona per questa stagione. È fantastico che la Ferrari sia in una posizione così buona. Abbiamo chiaramente del lavoro da fare, ma il Campionato del Mondo non è deciso.

Dobbiamo indagare sui tanti piccoli problemi che abbiamo. Nei prossimi giorni dovremo rimetterci in sesto. “Arrabbiarsi non aiuta”, ha concluso il 78enne.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: