In questo nuovo contesto storico, la F1 si mette in gioco lanciandosi ufficialmente nel mondo virtuale degli eSports: il motorsport al tempo del Coronavirus è tutto da vivere.

Dopo le Pro Series ufficiali che seguono direttamente il Campionato Mondale, la F1 lancia ufficialmente la Virtual Grand Prix Series, con tanto di piloti ufficiali sulla griglia di partenza.

7 gare. Sebbene questo sia un numero insignificante quando il mondo sta fronteggiando un nemico che mieterà vittime su vittime prima di essere sconfitto, questo numero rappresenta qualcosa che la F1 non ha mai vissuto. Dal Barhain alla Spagna passando per la mai mancata Montecarlo, nessun GP si correrà in maniera ufficiale fino a Giugno. O forse non proprio.

L’appello del #RESTATEACASA passa attraverso non solo i messaggi in tv, ma anche con iniziative più concrete, alle quali la F1 si è prontamente introdotta.

Se è bello guardare i migliori piloti del mondo battersi sui migliori circuiti della Terra, mettersi sul divano e permettere a chiunque di battagliare con i migliori piloti del mondo sui migliori circuiti della Terra evitando di uscire per la noia è ancora meglio.

Nessuno esentato: piloti da rally e da turismo, calciatori e giocatori NBA, attori e soprattutto persone comuni, che devono combattere come tutti la noia di stare dentro le mura domestiche. Chiunque può accedervi, basta solo avere la piattaforma giusta; e se volete capire se ci sarà un sacco da divertirsi, date un occhiata a qualche video di Lando Norris.

Il nome di questa idea è Virtual Grand Prix Series ed avrà inizio dalle 21:00 (ora italiana) di domenica 22 marzo, con un collegamento trasmesso in diretta dalla Gfinity eSports Arena. Ecco il motorsport al tempo del Coronavirus.

La Virtual GP Series utilizzerà il videogioco per PC ufficiale F1 2019 ed il primo GP virtuale sarà a Sakhir, Barhain, con una lunghezza di gara di 28 giri (pari al 50% di quella reale). L’intero evento sarà trasmesso sui canali ufficiali YouTube, Facebook e Twitch della Formula 1 e avrà una durata complessiva di circa un’ora e trenta minuti, comprensiva anche delle qualifiche per stabilire la griglia di partenza.

codemaster_f1_2019

Gli eventi saranno suddivisi in due

L’evento ufficiale vedrà protagonisti alcuni piloti della F1 ed alcune stelle internazionali, tutti ancora da annunciare: il livello sarà alto e ci saranno delle impostazioni base di danni vettura e controlli elettronici valide per tutti, per uniformare le prestazioni.

Parallelamente, nei weekend non di gara, saranno organizzate delle gare in cui gli appassionati di tutto il mondo avranno la possibilità di confrontarsi direttamente con i piloti di F1.

Frank Sagnier, amministratore delegato di Codemasters, azienda sviluppatrice del gioco, ha parlato cosi:

Siamo entusiasti di essere protagonisti della nuova Virtual Grand Prix Series. È bello che il videogioco ufficiale della Formula 1 possa aiutare a colmare il vuoto creatosi durante i weekend di gara posticipati. Sarà un evento competitivo, pieno di azione e molto divertente per tutti coloro che saranno coinvolti.

La stessa Gfinity, sviluppatrice della piattaforma di collegamento, si è detta elettrizzata per l’inizio degli eventi, tramite le parole del suo AD John Clarke:

Anche Gfinity è orgogliosa di fare la sua parte nella progettazione e nella realizzazione della Virtual Grand Prix Series, con corse virtuali entusiasmanti per tanti appassionati di Formula 1 ed eSports in tutto il mondo. Il Gran Premio del Bahrain virtuale sarà un evento unico con i piloti di F1 e varie star internazionali pronte a sfidarsi cercando di ridare un sorriso a milioni di appassionati sportivi.

Non dimentichiamo mai che in questi giorni e nel prossimo futuro ci troveremo ad affrontare una battaglia terribile e dovremo farlo tutti insieme. La F1 si sta già organizzando per dare il suo contributo in maniera diretta. Il motorsport al tempo del Coronavirus può aiutarci ad affrontare le giornate.

Ci sarà chi lo farà direttamente al fronte come dei veri soldati e non smetteremo mai di ringraziare e incitare i nostri medici ed infermieri che giornalmente rischiano la vita per aiutarci ad avere un futuro. Ci sarà chi impiegherà tutto il suo tempo nella ricerca di una cura per permettere a tutti noi di riavere la propria vita che un tempo sembrava la normalità.

Poi ci saremo noi, le persone comuni, quelle a cui si chiede unicamente di STARE A CASA: mai come oggi, internet, i social, i giochi online possono essere un escamotage per restare lontani ma uniti.

Nella speranza che presto potremo tornare tutti insieme a guardare la F1 in un bar o a casa sul divano, senza la paura di volerci abbracciare ed esultare insieme se a vincere è stata il nostro team del cuore o il nostro pilota preferito.

 

Segue il link per la diretta

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: