La conferma è arrivata da Federico Ignesti, sindato di San Piero e Scarperia. L’Autodromo del Mugello si candida per sostituire il Gran Premio di Cina.

Nel pomeriggio odierno è arrivata un’importante notizia per tutti gli appassionati automobilistici italiani. L’Autodromo del Mugello si è ufficialmente candidato per sostituire il Gran Premio di Cina, estromesso dal calendario 2020 a causa dell’epidemia di Coronavirus. La notizia è stata data poco fa dal sindaco di Scarperia e San Piero, Federico Ignesti.

Ci siamo proposti per sostituire la gara in Cina, la pista rispetta tutti gli standard richiesti e la candidatura ufficiale verrà inviata il prossimo primo marzo, la proprietà del tracciato del Mugello sta facendo degli importanti investimenti economici per riuscire ad ottenere un posto nel calenderio della Formula 1 per le prossime stagioni”.

La notizia è una di quelle che può far sognare i tifosi del nostro paese. Con ogni probabilità, la Cina non verrà disputata ed il Mugello è la prima pista che si candida ufficialmente a rimpiazzare Shanghai. Il tracciato toscano è la storica sede del GP motociclistico che si disputa ad inizio estate, ma ha ospitato diverse volte anche le Finali Mondiali Ferrari richiamando una foltissima cornice di pubblico.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: