Mattia Binotto lascerà ufficialmente il suo ruolo di capo del team Ferrari alla fine del mese, ponendo fine al suo periodo di quattro anni alla guida del team. La Ferrari ha ottenuto solo quattro vittorie nel 2022, rispetto alle 17 della Red Bull.

Il gigante italiano ha avuto la macchina più veloce sul giro per gran parte della stagione, ma una combinazione di strategie sbagliata ed errori operativi gli è costato il titolo che ormai manca da lontano 2007.

Il commentatore di Sky Sports F1 David Croft crede che i tentativi di Binotto di implementare una cultura senza colpa alla Ferrari – come ha fatto Toto Wolff alla Mercedes – potrebbe avergli costato il lavoro.

“Mattia Binotto ha pagato il prezzo di una stagione di aspettative eccessive? No. Ha pagato il prezzo per aver cercato di proteggere lo staff di Maranello per l’intenso controllo e ogni colpa pubblica. Toto Wolff crea una cultura senza colpa alla Mercedes. Mattia prova a fare lo stesso alla Ferrari. Uno è lodato per questo, ma l’altro deve dimettersi per lo stesso motivo”, ha commentato.

L’ex pilota HRT e Lotus F1, Chandhok, si è affrettato a sottolineare la differenza fondamentale tra lo stile di gestione di Binotto e Wolff.

“Mattia forse tendeva a proteggere le persone e non a licenziarle a metà stagione, e forse esitava a fare i cambiamenti richiesti. Non penso necessariamente che Vasseur sia la risposta. Sembra un po’ un allenatore di calcio. Ci sono stati problemi sul lato operativo. Se la guardiamo da un punto di vista tecnico, in termini di ricerca e sviluppo e design, hanno prodotto un’auto molto veloce. Quest’anno avevano la macchina più veloce sul giro, ma operativamente, dal punto di vista dell’affidabilità, hanno avuto problemi. Non credo che solo cambiare la persona al vertice sia la risposta”, ha concluso.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: