Enrico Cardile, direttore tecnico dell’area ‘telaio’ della Ferrari, ha recentemente concesso un’ampia intervista a Motorsport, a cura di Roberto Chinchero. Cardile ha quindi riassunto il 2023 della Rossa, evidenziando le sfide affrontate e le decisioni intraprese in una stagione sicuramente molto complessa.

Cardile ha spiegato che i limiti della SF-23 sono emersi già durante i test pre-campionato. Tuttavia, ha sottolineato come la squadra si sia trovata in una posizione difficile, con limitazioni strutturali significative nel telaio e nel cambio che hanno reso complicato il miglioramento della vettura.

Di fronte a questa sfida, è iniziato un processo di miglioramento che ha coinvolto tutte le aree praticabili. Pur sapendo che un cambiamento radicale della vettura era impossibile, i tecnici della Ferrari hanno visto l’opportunità di capitalizzare sulle esperienze accumulate gara dopo gara. Hanno così gettato le fondamenta per la monoposto del 2024.

Il progetto per il 2024 è stato descritto come un cambio di rotta significativo. Il lavoro svolto a Maranello e in pista nel corso della stagione attuale non è mirato al solo miglioramento delle prestazioni della SF-23. Il lavoro vuole anche creare una base solida per il futuro, anticipando le sfide che affronterà la vettura 2024. In questo contesto, Cardile ha sottolineato l’importanza di imparare dalle difficoltà incontrate nel 2023 e di applicare queste lezioni al nuovo progetto, proiettando la Ferrari verso un futuro più competitivo.

Lo sviluppo della SF-23

La prima domanda di Chinchero riguarda lo sviluppo della SF-23. A questo ha poi aggiunto che durante la presentazione della monoposto 2022 avevano confermato la fiducia in una strada diversa rispetto alla concorrenza, e sembra che nel 2023 abbiano proseguito su quel percorso.

Cardile ha dunque risposto: “Sì, è vero. La macchina del 2022 è stata sviluppata seguendo un concetto legato ad un obiettivo, la forma della monoposto è stata una conseguenza di ciò che si desiderava ottenere. La SF-23 è stata sviluppata in continuità con la vettura del 2022, con l’obiettivo di migliorare alcuni limiti della monoposto precedente”.

Nel complesso abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, perché l’auto in pista ha rispettato i risultati visti nelle simulazioni, quindi, da questo punto di vista, non ci sono state sorprese. Il problema è che già nei test pre-campionato ci siamo resi conto che la direzione che avevamo preso non era la più performante, la più redditizia. A quel punto abbiamo dovuto rivedere i nostri obiettivi sul fronte dello sviluppo aerodinamico e il lavoro per cercare di colmare le mancanze”.

“Il primo passo è stato il pacchetto di aggiornamenti portato in Spagna, dove abbiamo cambiato fondo e carrozzeria, seguito da un altro upgrade in Austria, poi ci siamo trovati davanti a dei limiti legati al telaio. Con la monoposto 2024 gireremo pagina, il progetto è diverso, abbiamo capito che per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati c’è bisogno di una vettura diversa, e di conseguenza l’anno prossimo vedrete una monoposto progettata in modo differente rispetto al concetto portato in pista nel 2022”.

Il telaio

La seconda domanda riguardava il telaio e i suoi limiti nel sviluppare la vettura come volevano.

“Le limitazioni sono state legate principalmente al telaio, la differenza tra la nostra vettura e quelle in stile RedBull è nelle bocche dei radiatori, ciò che viene chiamato in gergo pod. Il design di quest’area sulla nostra vettura era più ampio rispetto a quello della RedBull, ma c’è un motivo sul perché. Noi usavamo quest’area della carrozzeria per modificare i parametri di pressione dell’aria con l’obiettivo di controllare la scia [sporca] proveniente dalle gomme”.

“D’altra parte, scavando nell’area sotto alle bocche dei radiatori si può portare un flusso d’aria migliore verso la parte posteriore della vettura, con benefici in termini di carico al retrotreno. Ma facendo ciò si deve trovare un modo per recuperare la gestione della scia proveniente dalla gomma. Aggiungendo al discorso i pod più ampi, alla fine non avevamo bisogno di progettare un telaio particolarmente complesso, perché abbiamo montato l’elettronica dietro ai radiatori. Inoltre, abbiamo deciso di porre il cono anti-intrusione laterale inferiore all’altezza maggiore concessa dal regolamento, in modo da avere un design che ci consentisse di trovare maggiori prestazioni da una maggior pulizia sulla superficie superiore della parte anteriore del fondo”.

“Però nel momento in cui si decide che per centrare un differente obiettivo hai bisogno di forme differenti, la posizione dell’elettronica, il design del telaio e la posizione del cono anti-intrusione inferiore, sono diventati dei limiti”.

Problemi di vento

Chinchero ha poi chiesto se ci fosse un motivo tecnico legato ai problemi che la Ferrari aveva in condizioni di forte vento.

Cardile ha così risposto: “Dipende della mappa aerodinamica. Intrinsecamente, ogni vettura di Formula 1 perde carico quando si applica un angolo di imbardata alla monoposto. Questo è qualcosa di naturale e dipende dal fatto che abbiamo gomme scoperte e dalla conseguente gestione della scia sporca dagli pneumatici. Il problema è capire quanto carico si perde. Il vento è un amplificatore dell’angolo di imbardata, quindi più carico si perde più soffrirai il vento. Tutto è dovuto all’aerodinamica della vettura”.

La domanda successiva riguardava alla vettura del 2024, e se questi problemi verranno risolti l’anno prossimo.

“Sicuramente, perché da questo fattore dipende anche la fiducia che il pilota ha nella monoposto. Nelle giuste condizioni abbiamo delle buone performance, e sempre al netto di una RedBull che volava rispetto a noi, non sono assolutamente malvagie. Quando però ad un certo angolo di imbardata si aggiunge il vento, il pilota perde fiducia perché non sa quando ci sarà una folata di vento, la direzione in cui soffia e come ciò influenzerà il comportamento della vettura”.

Finestra operativa e di utilizzo

La domanda successiva riguardava la finestra operativa di tutte le vetture, tranne la RedBull, insinuando che quella di tutti i team fosse molto ridotta. Chinchero chiedeva dunque se ci fosse una spiegazione riguardo al fatto che Ferrari andasse meglio in qualifica e la Mercedes non spiccasse in gara.

“No. Da parte nostra crediamo di sapere perché le nostre prestazioni siano state peggiori in gara, crediamo sia dovuto alla mappa aerodinamica e alla downforce, ma è meno facile da comprendere il motivo che determina la differenza di performance tra qualifiche e gara. Questo comportamento lo abbiamo visto anche sulla Mercedes dalla fine dello scorso anno, con un rendimento in gara migliore rispetto alla qualifica, ma non ho una risposta precisa per questa domanda”.

Riguardo alla finestra di utilizzo della vettura, a Cardile è stato chiesto cosa è stato fatto per ampliarla. Anche grazie al fatto che, nonostante i limiti dell’architettura della SF-23, si siano fatti dei passi in avanti con la gestione delle gomme.

“Nel nostro caso essere aggressivi avrebbe comportato realizzare un nuovo telaio e una nuova scatola del cambio, fondamentalmente una nuova monoposto, ma questa soluzione non era fattibile. Il problema con l’usura degli pneumatici era ancora una volta legato al comportamento aerodinamico dell’auto. Tutto dipende dall’aerodinamica. A meno che il design delle sospensioni non sia totalmente sbagliato in termini di cinematismi o altri, non ha un impatto così grande come lo ha l’aerodinamica. Quando si progetta una sospensione si prevedono le opzioni di configurazione necessarie a coprire un’ampia gamma di regolazioni per permettere alla monoposto di funzionare nella migliore finestra aerodinamica”.

Altri problemi: bouncing e velocità in curva

Uno degli obiettivi del 2023 era sicuramente quello di eliminare, o ridurre drasticamente il bouncing. Questa situazione sembra infatti molto migliorata nella stagione appena conclusa.

“Abbiamo subito visto un miglioramento importante rispetto al 2022, ma abbiamo comunque iniziato la stagione con un po’ di saltellamenti. Il porpoising è un elemento di disturbo per il pilota e in qualche modo limita la finestra operativa della vettura, perché se sei obbligato a gestire una macchina che saltella devi considerare sempre il consumo del fondo. Sicuramente abbiamo iniziato la stagione con ancora qualche problema, poi con gli sviluppi direi che ce ne siamo liberati quasi completamente”.

Nella SF-23 c’è stata grande differenza in termini di competitività tra curve lente e veloci. La domanda chiedeva se ciò fosse una questione aerodinamica o una caratteristica meccanica a determinare questa differenza di rendimento.

“Il punto di forza della nostra macchina è stata la performance nelle curve a bassa velocità, ma abbiamo pagato nei tratti a media velocità e anche un po’ nelle curve ad alta velocità. Nel 2022 era il contrario, quindi lo sviluppo aerodinamico è stato indirizzato per migliorare nelle curve a bassa velocità”.

Alla domanda se fosse stato impossibile costruire una vettura perfetta per ogni curva, Cardile ha risposto: “No, la RedBull sta dimostrando che non è impossibile, è solo una questione di duro lavoro con gli obiettivi giusti”.

Il fondo

L’impressione avuta soprattutto nel corso del 2023 è che questa generazione di vetture sia più difficile da capire poiché grossa parte della performance dipende da cosa accade nel piccolo spazio che separa il fondo dall’asfalto.

A questa affermazione, Cardile ha dichiarato: “Non direi più difficile, ma ci sono degli aspetti peculiari legati alle normative tecniche. Ci sono tre aspetti di base nello sviluppo di questa generazione di monoposto. Uno è sicuramente il bouncing, poiché in qualche modo limita il progetto in merito a ciò che puoi fare, si è obbligati a tener presente che la macchina non deve saltellare in rettilineo e nelle curve ad alta velocità”.

“Il secondo aspetto è la natura stessa dei regolamenti che è molto più restrittiva, hai meno libertà a disposizione per sviluppare l’auto, e l’ultimo aspetto è la sensibilità. Il fondo è un’area estremamente sensibile, ed anche a una piccola variazione comporta cambiamenti importanti perché li moltiplichi per un’area molto grande. Queste sono per me le tre principali peculiarità di questi regolamenti, ma non direi che sono più difficili quanto, semplicemente diverse”.

Sempre riguardo il fondo, Chinchero ha successivamente chiesto se anche la rugosità dell’asfalto può fare la differenza nell’efficienza del flusso. La risposta è stata: Sì, assolutamente. Lo vediamo comparando i dati della galleria del vento con i riferimenti che arrivano dalla pista”.

Suzuka e Zandvoort

Charles Leclerc ha ritrovato il feeling a Suzuka dopo una modifica al fondo. La domanda successiva di Chinchero chiedeva se nel programma di sviluppo lo stile di guida del pilota è un parametro tenuto in considerazione.

“Teniamo in consideriamo la fiducia che deve avere chi è alla guida, sicuramente. Ma non è una questione di stile di guida, perché il pilota si adatta continuamente alle condizioni o alle caratteristiche della pista. Dopo l’esperienza con la monoposto di quest’anno abbiamo presente cosa aiuta a rendere il pilota più sicuro alla guida. Poi c’è sempre chi è più concentrato sulla stabilità così come altri piloti che sono meno sensibili, ma non stiamo parlando di differenze enormi”.

Sia i piloti che alcuni membri della squadra hanno parlato di una svolta nel weekend di Zandvoort. La domanda riguardava appunto cosa fosse successo quel fine settimana.

“È una storia un po’ lunga. In Spagna ci siamo imbattuti in un comportamento inaspettato della monoposto in termini di aerodinamica. Successivamente il problema è riapparso di nuovo in Ungheria e, nel frattempo, avevamo sviluppato alcune ipotesi su cosa stesse succedendo, lavorando a casa con CFD e galleria del vento. Abbiamo deciso di fare un esperimento a Zandvoort perché sapevamo che alcune caratteristiche a livello di deportanza e asfalto sarebbero state simili a quelle di Spagna e Ungheria, e ciò che abbiamo ottenuto è stata una migliore conoscenza in merito al comportamento della macchina. Quindi abbiamo perfezionato tutti i nostri strumenti per affinare la comprensione della monoposto e da quel momento siamo riusciti ad anticipare eventuali problematiche senza essere più colti di sorpresa. Ma il vero vantaggio sarà trasferito sulla monoposto del prossimo anno”.

Temperatura delle gomme

Chinchero ha poi chiesto a Cardile riguardava la differenza tra la Ferrari e gli altri team nel mandare in temperatura le gomme anteriori.

“Posso solo fare delle ipotesi, perché non sono nei box degli altri team. Dal mio punto di vista, dipende molto da come prepari il giro in qualifica, se guardiamo i report della Pirelli su temperature e pressioni di solito non vedo grandi differenze. Quindi dipende da cosa vuoi ottenere durante il giro di preparazione, ovvero se vuoi le gomme pronte già in curva uno o se si preferisce mantenere gli pneumatici in un buono stato per l’ultimo settore, dato che ci sono circuiti dove è difficile riuscire a mantenere sotto controllo gli pneumatici per tutta la durata del giro. Ma è solo un’ipotesi”.

Prendere spunto dai fondi

Chinchero ha poi chiesto a Cardile se le foto dei fondi degli altri team li abbiano indirizzati verso nuove soluzioni o si siano rilevate inutile.

Cardile ha dunque risposto: Analizzare le soluzioni degli altri team fa parte del lavoro. Tutti hanno delle foto nei rispettivi database per avere sempre un occhio sugli avversari, per capire cosa stanno facendo. Sicuramente è stato interessante vedere il fondo RedBull, perché ti poni delle domande e capisci dove sono le differenze”.

“Ma non basta osservare una foto, bisogna guardarla con gli occhiali giusti, avere una direzione in termini di sviluppo. Non puoi fare una copia perfetta, non ha mai funzionato, in particolare con questo regolamento dove anche pochi millimetri possono fare una differenza enorme sul fronte delle prestazioni. Diciamo che non ha senso fare una copia, ma sicuramente ti fai delle domande e magari può essere d’ispirazione”.

Strumenti di simulazione

La domanda successiva riguarda quanto sono efficaci gli strumenti di simulazione considerando che molto si gioca sui millimetri e che anche le caratteristiche dell’asfalto possono fare la differenza.

“In generale, siamo contenti del livello che abbiamo raggiunto recentemente sui nostri strumenti, quindi intendo CFD, simulatore e galleria del vento. Se poniamo le domande giuste gli strumenti ci danno la risposta giusta, abbiamo visto che per noi la correlazione è molto buona, su tutti gli strumenti a disposizione. Quando si verificano degli imprevisti che non comprendiamo, riuscire a sfruttare nel modo giusto i nostri strumenti ci permette di migliorare la comprensione e identificare il problema”.

Budget cap

L’altra domanda riguardava il budget cup. Chichero ha chiesto a Cardile se l’impatto di quest’ultimo sia stato simile a quello dello scorso anno oppure sono riusciti a ottimizzare meglio il tutto.

Continuiamo a ottimizzare il processo. Direi che la grande differenza si è vista il primo anno, abbiamo dovuto cambiare l’approccio mentale dovendo tenere in considerazione l’aspetto ‘costo’ di ogni attività. Ora c’è una maggior comprensione del regolamento finanziario, se mi chiedi se quest’anno siamo stati limitati dal regolamento finanziario, la risposta è no”.

Gap RedBull

Quando si evidenzia che il gap rispetto alla RedBull è molto minore in qualifica rispetto al passo gara, si sente spesso dire che la gomma soft nuova ha più grip e questo aiuta a compensare alcuni punti deboli della monoposto. Tuttavia, potremmo anche argomentare che la soft nuova potrebbe conferire ancora più grip alla RedBull rispetto a Ferrari o Mercedes.

Chinchero ha dunque chiesto se si potesse spiegare questo comportamento considerando che la RedBull potrebbe sfruttare al massimo le caratteristiche della gomma soft, ottenendo un vantaggio aggiuntivo in termini di aderenza rispetto alle altre vetture.

La risposta di Cardile è stata: “La nostra performance è più fragile. In termini di prestazione pura non siamo molto distanti dalla RedBull, ma ci serve il massimo impegno da parte del pilota, abbiamo bisogno delle giuste condizioni ambientali e la giusta combinazione di curve. Abbiamo bisogno di molti aspetti, il che rende difficile ripetere una determinata prestazione durante uno stint in gara, quando le gomme iniziano a cedere ed il bilanciamento della vettura e il vento cambiano. L’impressione è che la piattaforma della RedBull sia più robusta rispetto alla nostra”.

Weekend sprint

Durante i weekend ‘sprint’, è stato notato che la correlazione tra la pista e il simulatore quest’anno sembrava essere buona. L’ultima domanda di Chinchero riguardava se il team fosse soddisfatto del livello raggiunto.

Cardile ha infine risposto: Assolutamente. Consideriamo la nostra preparazione alla gara come un punto di forza. Il modo in cui prepariamo l’evento, il fatto di arrivare pronti al fine settimana con la vettura già vicina alla sua finestra ideale, è indubbiamente un punto positivo per quanto ci riguarda. La correlazione è buona, siamo soddisfatti degli strumenti che usiamo, in generale credo sia un nostro punto di forza”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto