L’attuale CEO della Formula 1, Chase Carey, afferma che il circus punta, per i prossimi anni, ad un calendario F1 di 24 gare, con alcuni eventi a rotazione

All’ inizio di questo mese è stato annunciato il calendario F1 per il 2021, il quale sarà composto da 23 appuntamenti, incluso il nuovo evento in Arabia Saudita. Non ci sono, però, conferme sul circuito che sostituirà il GP del Vietnam, che è stato annullato.

Piloti e dirigenti delle varie squadre hanno espresso perplessità, considerando 23 appuntamenti come un obiettivo difficile da raggiungere. Soprattutto se si pensa a meccanici e membri che prendono parte ai vari spostamenti in giro per il mondo. Tuttavia, Carey afferma che il progetto a lungo termine della F1 è quello di estendere ulteriormente il calendario F1, sia con nuovi appuntamenti che con le gare ritrovate quest’anno, alla lista dei possibili candidati.

Guardando oltre il 2021, continuiamo ad essere molto soddisfatti per l’entusiasmo delle località di tutto il mondo nel voler ospitare la F1″, ha detto Carey in un discorso ad un incontro virtuale di investitori, e riportato da motorsport.com. Molte località in cui abbiamo corso quest’anno hanno espresso grande interesse per nuovi appuntamenti, e altri paesi hanno un interesse più forte che mai. Ci aspettiamo di passare ad un calendario di 24 gare nei prossimi anni. Probabilmente ruoteremo alcune gare in modo da essere in grado di ospitare nuovi tracciati“.

Carey ha insistito sul fatto che, nonostante le sfide create dal COVID-19, la stagione 2021 potrà svolgersi nella quasi normalità. “Non solo abbiamo mantenuto i rapporti con i nostri partner, ma li abbiamo addirittura rafforzati. Abbiamo rinnovato per il prossimo anno a condizioni migliorate. Abbiamo dimostrato di poter viaggiare e gestire in sicurezza le nostre gare, e i nostri partner riconoscono sempre più la necessità di andare avanti e gestire il virus.

Infine il CEO ha parlato della possibilità di includere gli spettatori ai week-end di gara. Stiamo programmando eventi per il 2021 con i fan, con un’esperienza molto simile a quella di prima del COVID. Cercheremo anche di riportare il Paddock Club ai nostri eventi. Abbiamo grandi progetti per il Paddock Club, rinviati quest’anno a causa della pandemia. Ci aspettiamo che contribuisca in modo significativo alla nostra crescita a lungo termine”.

A proposito dell'autore

Cresciuto nel mito di Schumacher e della "rossa", appassionato di F1 e di motori, Copywriter e Marketer. Follow me: Linkedin: @Michele Cozzola

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: